Non è il vino dell’enologo. Lessico di un vignaiolo che dissente

 -  - 


::cck::766::/cck::
::introtext::

Cupramontana. Antiche e nuove generazioni. Tempo fa, dopo essersi laureato in economia politica alla Bocconi, il 43enne Corrado Dottori lavorava in banca.

::/introtext::
::fulltext::

 

Autore: Corrado Dottori
Editore: DeriveApprodi
Anno: 2012
Pagine: 135
Prezzo: 11,05 euro
(prefazioni di Jonathan
Nossiter e
Giampaolo Gravina)

Immagine dal http://www.deriveapprodi.org/2013/04/non-e-il-vino-dellenologo/

Cupramontana. Antiche e nuove generazioni. Tempo fa, dopo essersi laureato in economia politica alla Bocconi, il 43enne Corrado Dottori lavorava in banca. I genitori avevano un po’ di terra con anziani mezzadri nella vitivinicola regione Marche. Il padre vi impiantò delle viti negli anni ottanta, produceva Verdicchio. Dal 2000, con la moglie Valeria (e poi due figli), Corrado ha cambiato radicalmente vita, è tornato a casa: diviene vignaiolo di qualità, produce con acume vino naturale, progressivamente riduce rame trattore solfitazioni, crea. Nel volume “Non è il vino dell’enologo. Lessico di un vignaiolo che dissente” racconta la sua scelta, in corsivo l’emozione autobiografica, in tondo 35 parole di politica non solo enologica (da agricoltura a vita). Ottimo.

v.c.

::/fulltext::
::autore_::::/autore_:: ::cck::766::/cck::

2 recommended
comments icon 0 comments
bookmark icon

Write a comment...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Aspetta un attimo...

Sottoscrivi la nostra newsletter

Vuoi essere avvisato quando pubblichiamo nuovi articoli? Inserisci il tuo nome e il tuo indirizzo e-mail.