Papa Francesco, avversato da chi vuole il potere

 -  - 


Parla Padre Arturo Sosa, massima autorità della Compagnia di Gesù.

Argentina, 17 settembre 2019

di Elena Llorente – da Other News – news@other-net.info

“Non vi è dubbio che vi sia una lotta politica all’interno della Chiesa”, afferma padre Sosa, interrogato sulla difficile situazione del Papa.

“I critici guardano alla sua successione”, aggiunge.

La difficile situazione del papato di Francesco, il prossimo sinodo dei vescovi su Amazonas che si terrà in Vaticano a ottobre e la situazione in Venezuela, sono stati i temi principali su cui si è concentrato l’incontro con i giornalisti stranieri Lunedì è diventato la massima autorità dell’Ordine dei Gesuiti a Roma, il Superiore Generale Padre Arturo Sosa. Nato a Caracas nel 1948, Arturo Marcelino Sosa Abascal, è stato ordinato sacerdote nel 1977. Ha una laurea in filosofia e un dottorato in scienze politiche ed è stato professore in diverse università venezuelane. Come gesuita, tra le altre cose, è stato consigliere del Padre Superiore dell’Ordine a Roma. Nel 2016 fu il primo non europeo – dei 31 successori di Ignacio de Loyola che fondarono la Compagnia di Gesù nel 1540 – ad essere eletto “papa nero”, il nome che da sempre è stato dato alla massima autorità dei gesuiti, sia per il suo potere nella e fuori la Chiesa, sia perché veste di nero come un prete, e non di bianco come un pontefice. Durante i suoi anni di lavoro in Venezuela non era molto famoso. Ma negli anni ’90, più precisamente nel 1992, il suo nome è venuto alla luce quando gli autori di un tentativo di colpo di stato contro il presidente Carlos Andrés Pérez – incluso colui che poi sarebbe diventato presidente del Venezuela, Hugo Chávez – chiesero a Padre Sosa di fare da mediatore. I militari che avevano tentato il colpo di stato ma poi si erano arresi, sarebbero dovuti finire in prigione e temevano per il proprio destino. A causa di quella mediazione venne accusato da alcuni di essere stato un “filo-Chavista”.

Interrogato sulla situazione di papa Francesco – un gesuita come lui -, che settori molto conservatori, specialmente negli Stati Uniti, lo accusano di essere troppo progressista e persino “comunista” e sia dall’estero che dal Vaticano c’è chi boicotta le sue azioni, Padre Sosa ha affermato che “ci sono opinioni molto diverse”. “Non c’è dubbio che c’è una lotta politica all’interno della Chiesa. E un elemento di questa lotta è il clericalismo, cioè la lotta per il potere all’interno della Chiesa. E non è solo un attacco a Papa Francesco. Lui non cambierà ed è molto sereno di fronte alle critiche. Ma la critica è anche un modo per influenzare l’elezione del prossimo Papa. Papa Francesco non è giovane e il suo non sarà il pontificato più lungo della storia. Queste critiche guardano alla successione. “

Papa Francesco, ha aggiunto padre Sosa, “… è figlio del Concilio Vaticano II. E come tale, mette tutta la sua energia e la sua capacità per realizzare quello che il Vaticano II sognava per la Chiesa. Perché questa è la vera riforma della Chiesa”. Padre Sosa ha fatto riferimento in effetti al Concilio considerato da molti come il più “rivoluzionario” che la Chiesa abbia finora avuto, il che, tra le altre cose, ha sottolineato quella partecipazione della gente e dei poveri, che Francesco ha sottolineato dal primo giorno del suo pontificato.

“Come vorrei una Chiesa povera per i poveri”, è stata la sua prima denuncia a centinaia di giornalisti che presenti alla sua prima conferenza stampa pochi giorni dopo che era stato eletto Papa nel marzo 2013. Nel popolo di Dio “chi è più favorevole al Vaticano II, ha più resistenza. Ma deve continuare a combattere”; “Cinquant’anni (da quel Concilio) non sono poi tanti”, ha detto. Ha anche affermato che la Compagnia di Gesù, che conta circa 15.600 membri sparsi in 110 paesi del mondo, negli ultimi anni si è chiesta come dovesse comportarsi durante il pontificato di Papa Francesco, e ha adottato “quattro preferenze apostoliche”, ovvero linee guida, per i prossimi dieci anni. Preferenze che cercano di portare “riconciliazione e giustizia”.

Queste preferenze sono: indicare il cammino verso Dio; camminare con i poveri e gli esclusi; aiutare i giovani a creare un futuro di speranza; e contribuire alla Casa Comune, ovvero a quella che Papa Francesco nella sua enciclica ecologica “Laudato Sì” chiama Madre Terra. “Migranti e rifugiati”, erano già tra le priorità dei gesuiti, “sono una sfida e come tali non possono essere trascurati o sostituiti”.

Per quanto riguarda il prossimo Sinodo su Amazonas che si terrà in Vaticano a ottobre e che ha acquisito particolare rilevanza dopo i recenti incendi, Padre Sosa ha affermato che la Compagnia di Gesù lavora con la rete panamazzonica, che comprende molte diocesi e organizzazioni religiose di numerosi paesi. I gesuiti lavorano principalmente nella parte brasiliana dell’Amazzonia. “La Chiesa vuole offrire soluzioni all’Amazzonia. La domanda a cui verrà data risposta nel sinodo è come dovremmo servire quella comunità e come risolvere i loro problemi. Il sinodo sarà “un incontro pastorale per scambiare idee e fare una riflessione comune, per l’America Latina e per il mondo”, ha affermato Padre Sosa, ma non prima di evidenziare il concetto di “ecologia integrale”, che include “tutte le dimensioni del vita umana ” in cui insiste l’Instrumentum Laboris, cioè il documento di base che aprirà i dibattiti al Sinodo. “Chi pensa che questa sia un’opzione di sinistra, è meglio che apra gli occhi”, ha detto il Padre gesuita. 

In Venezuela, ha detto del suo paese, è necessario “non solo il cambiamento del governo ma il cambiamento del sistema” e che entrambi devono essere “prodotti della volontà del popolo”, misure “prese democraticamente”. Parlare di elezioni in Venezuela “non è un’utopia perché c’è una cultura democratica nel popolo venezuelano”. Ma a suo avviso, per raggiungere questi obiettivi è necessario un sostegno internazionale. 

bookmark icon
Aspetta un attimo...

Sottoscrivi la nostra newsletter

Vuoi essere avvisato quando pubblichiamo nuovi articoli? Inserisci il tuo nome e il tuo indirizzo e-mail.