AVANZA IN CINA LA MONETA DIGITALE DI STATO

 -  - 


Mentre la maggior parte del mondo è impegnata nella ricostruzione e nel recupero dei danni provocati dalla pandemia di coronavirus, la Cina procede a grandi passi verso l’adozione dei suoi Digital Currency Electronic Payments (DCEP), una criptovaluta di stato sviluppata utilizzando la tecnologia blockchain.La valuta digitale sarà presto emessa dal PBoC, la banca centrale del paese. SEcondo BoxMining, la strategia e’ “aumentare la circolazione del RMB e la sua presenza internazionale nella speranza che diventi una valuta globale come il dollaro USA”. Anche se i tribunali cinesi recentemente hanno stabilito che alcune cryptocurrencies di alto profilo, come Bitcoin e Ethereum sono legali e protette dalla legge, le autorità hanno questa settimana imposto un giro di vite su quelle che ritengono essere attività illecite fondate su valute digitali, con particolare attenzione alle Tether .

Dal 4 giugno, circa 4.000 conti bancari del Guangdong,  appartenenti a commercianti di criptovalute da banco, sono stati congelati con l’accusa di attività illegali tra cui il riciclaggio di denaro. Questi segnali anticipano “una mossa” storica.

Josh Tate, CEO di ForumPay, fa notare che anni fa la Banca Popolare Cinese si è scontrata con il mining di criptovalute Bitcoin. Ora invece sembra che il Paese stia rivedendo le sue posizioni. Perchè ?

La Cina ha vietato Bitcoin nel 2013, ha chiuso i suoi scambi di criptovalute nel 2014 e nel 2017 ha richiesto la chiusura delle Initial Coin Offerings (ICO). Negli ultimi anni ha investito molto in infrastrutture digitali per tenere sotto controllo la propria cittadinanza. Pertanto, il lancio di cryptovaluta di stato potrebbe anche essere visto come l’ennesimo provvedimento per monitorare gli abitanti .

Altri vedono svilupparsi una strategia diversa. Amit Ghosh, capo dell’Asia-Pacifico presso R3, una società di tecnologia blockchain, afferma che lo sviluppo delle valute digitali della Banca centrale (CBDC) è diventato uno spazio sempre più competitivo negli ultimi anni. Il lancio di un renminbi digitale potrebbe espandere l’ influenza della Cina nell’arena commerciale globale, specialmente nelle economie emergenti basate sui contanti.

Si rileva inoltre la capacità di sfidare il dollaro statunitense all’interno dell’economia globale, un obiettivo che la Cina ha preso di mira da anni, in particolare dal 2018, quando ha cominciato ad offrire i futures sul petrolio denominati in yuan.

Altri ancora credono che la valuta digitale cinese cambierà i giochi del mercato finanziario interno, interrompendo i modelli di pagamento esistenti e aumentando la concorrenza. Kenneth Bok, responsabile della crescita e della strategia della società blockchain Zilliqa, osserva che, vista la fiducia esistente in Cina su sistemi di pagamento elettronici commerciali come AliPay di proprietà Alibaba e WeChat Pay sviluppato da Tencent , il DCEP è progettato per fornire un veicolo alternativo a queste piattaforme che il 96% della popolazione cinese utilizza. Data la portata prevista, la DCEP, è destinata a diventare il più grande progetto di moneta digitale di vendita al dettaglio mai intrapresa fino ad ora da uno Stato .

Lennard Neo, responsabile della ricerca, presso Stack Funds in Asia ritiene che i tempi siano favorevoli a causa di :

– accumulo di rischi geopolitici in cui lo stato cinese è stato coinvolto negli ultimi mesi,

– suo ruolo quale eventuale ground zero della pandemia di coronavirus,

– Tensioni commerciali sino-americane,

– espansionismo attraverso la Via della Seta,

– disordini a Hong Kong.

Tuttavia, la piena portata delle implicazioni che i CBDC potrebbero avere per l’economia tradizionale e per i consumatori regolari rimane sconosciuta.

Nonostante tutti i dubbi, ForumPays Tate vede anche positivamente l’adozione da parte del Paese di una criptovaluta nazionale.

“La decisione della Cina di lanciare una propria criptovaluta potrebbe incoraggiare il mondo occidentale a esaminare attentamente le numerose opportunità all’interno e intorno alla criptovaluta. Sarà affascinante vedere se giganti dell’e-commerce diventeranno ambasciatori dello yuan digitale”.

Se qualcosa del genere si verifica sarebbe aprire le porte ad altre importanti cryptocurrencies .  Se Alibaba e il suo sito di shopping Taobao abbracciano le transazioni crittografiche, è probabile che altri giocatori globali di e-commerce si uniranno alla competizione, aggiunge Tate. La Cina non è l’unico paese la cui banca centrale sta lavorando su CBDC analoghi al renminbi digitale; ad esempio, in Svezia la Riksbank s sta sviluppando e testando un e-corona.

C’è ancora un altro motivo per cui Pechino potrebbe essere desiderosa di questo sviluppo ora. Il lancio di una tale valuta digitale potrebbe anche consentire all’Iran e ad altri stati di eludere più facilmente le sanzioni statunitensi o spostare denaro senza essere scoperti. Recentemente, il paese del Medio Oriente ha spostato gran parte del suo commercio internazionale verso il nuovo sistema basato su yuan che consente a Teheran di evitare le transazioni in dollari, in particolare sulle vendite di petrolio, e quindi schivare le istituzioni finanziarie statunitensi (secondo quanto riferito da Foreign Affairs).

3 recommended
bookmark icon
Aspetta un attimo...

Sottoscrivi la nostra newsletter

Vuoi essere avvisato quando pubblichiamo nuovi articoli? Inserisci il tuo nome e il tuo indirizzo e-mail.