CRISI GLOBALI CON IMPATTI PER GENERAZIONI

 -  - 


È IL MOMENTO DELL’AZIONE URGENTE MULTILATERALE

XV Conferenza internazionale ECPD

Municipio di Belgrado, 23 ottobre 2020

Quest’anno la pandemia globale se da un lato ha dimostrato che è fondamentale per l’intero pianeta che tutta l’umanità sia unita, dall’altro ha evidenziato che nel mondo persiste ancora una grande disuguaglianza. Il che non può mettere in secondo piano le gravi minacce alla nostra esistenza rappresentate dalla crisi climatica, dal collasso della biodiversità globale lie dag altri rischi catastrofici globali. I giovani protestano e marciano per le strade di tutto il mondo denunciando sia tali minacce al futuro che ci attende, sia l’incapacità degli adulti di agire. La società materialista e la sua economia di consumo hanno saccheggiato il pianeta e portato al potenziale crollo della civiltà. Molti hanno perso la speranza ed è difficile trovare una via d’uscita positiva. Tuttavia, una crisi può anche essere un’opportunità, non per tornare agli affari come al solito, ma per accelerare la trasformazione in un’economia e una società giuste e sostenibili. La via da seguire è già stata delineata dall’Agenda 2030 delle Nazioni Unite e dai suoi obiettivi di sviluppo sostenibile, ma sono ancora frenati da potenti governi e da interessi aziendali che non si preoccupano del futuro che ci attende negando l’esistenza del problema.

La conferenza ECPD che precederà il Forum della gioventù affronterà queste tendenze globali con conseguenze potenzialmente irreversibili e intergenerazionali e prenderà in considerazione  la responsabilità di intraprendere azioni multilaterali urgenti; i reltivi risultati saranno discussi nel Forum della gioventù. La sfida per noi come leader di domani è orientare le nostre vite con i principi etici necessari per costruire la società giusta, pacifica e sostenibile in cui vogliamo vivere. La Carta della Terra offre quel quadro etico e può fornirci una guida solida su come vivere e comportarsi nei tempi turbolenti che ci aspettano mentre costruiamo il mondo migliore di domani.

Origini della Carta della Terra

La Carta della Terra, concordata 20 anni fa dopo un lungo e ampio processo consultivo tra molti rappresentanti della società civile di tutto il mondo, fornisce un documento di consenso essenziale sui principi e valori di base che dovrebbero essere alla base del rapporto dell’umanità con la natura. Inizialmente doveva essere uno dei risultati della Conferenza delle Nazioni Unite sull’ambiente e lo sviluppo (UNCED), vertice della Terra di Rio del 1992. Tuttavia i governi hanno opposto resistenza a molti elementi essenziali e alla fine hanno concordato la Dichiarazione di Rio con 27 principi, che ha finito con l’essere un semplice passo in avanti „soft“ nel diritto internazionale. Il segretario generale della conferenza, Maurice Strong, ha quindi deciso di rivolgersi alla società civile per integrare la Carta della Terra di quanto i governi non avevano voluto consentire.

Nel 1994, Maurice Strong e Mikhail Gorbachev hanno lanciato un’iniziativa per sviluppare una Carta della Terra preparata dalla società civile. Il processo iniziale di redazione e consultazione ha attinto centinaia di documenti internazionali. Nel 1997 è stata costituita una Commissione indipendente per la Carta della Terra per supervisionare lo sviluppo del testo, analizzare i risultati di un processo di consultazione mondiale e giungere ad un accordo su un documento di consenso globale. Il presidente del Consiglio EPCD, Federico Mayor, era un membro della Commissione.

Dopo che un primo progetto di benchmark della Carta della Terra fu pubblicato al Rio + 5 Forum nel 1997 e un secondo nell’aprile 1999, le consultazioni internazionali continuarono in particolare attraverso i Comitati nazionali della Carta della Terra e i dialoghi internazionali. Dopo numerose bozze e dopo aver considerato il contributo di persone provenienti da tutte le regioni del mondo, la Commissione della Carta della Terra ha raggiunto il consenso sulla Carta della Terra nel marzo 2000, in una riunione tenutasi presso la sede dell’UNESCO a Parigi. La Carta della Terra è stata successivamente formalmente lanciata durante le cerimonie presso il Palazzo della Pace a L’Aia.

Nel corso dei cinque anni successivi, una campagna di sostegno formale ha attirato oltre 2.000 appoggi organizzativi, rappresentando milioni di persone, tra cui numerose associazioni nazionali e internazionali, e infine istituzioni globali come l’UNESCO e la IUCN – L’Unione internazionale per la conservazione della natura. Molte migliaia di individui hanno anche approvato la Carta della Terra.

La Carta della Terra

La Carta della Terra è un quadro etico per la costruzione di una società globale giusta, sostenibile e pacifica nel 21° secolo. Cerca di ispirare in tutte le persone un nuovo senso di interdipendenza globale e responsabilità condivisa per il benessere di tutta la famiglia umana, della più grande comunità di vita e delle generazioni future. È una visione di speranza e un invito all’azione.

La Carta della Terra ha quattro pilastri: rispetto e cura della comunità di vita; integrità ecologica; giustizia sociale ed economica; e democrazia, non violenza e pace. Secondo questi principi ci sono sedici diritti e responsabilità con sessantuno domande specifiche.

Comprende quattro grandi impegni per:

1. Rispettare la Terra e la vita in tutta la sua diversità.

2. Curare la comunità della vita con comprensione, compassione e amore.

3. Costruire società democratiche che siano giuste, partecipative, sostenibili e pacifiche.

4. Proteggere la generosità e la bellezza della Terra per le generazioni presenti e future.

Il testo completo è disponibile su https://earthcharter.org/discover/the-earth-charter/ .

Molti dei suoi principi si riflettono ora nelle convenzioni internazionali sull’ambiente e in altre leggi internazionali.

Attuare la Carta della Terra

La Earth Charter Initiative (https://earthcharter.org/) è un movimento globale di organizzazioni e individui che abbracciano la Carta della Terra e la usano per guidare la transizione verso un mondo più giusto, sostenibile e pacifico.

La 40a Conferenza generale dell’UNESCO, tenutasi il 12-27 novembre 2019, ha adottato una risoluzione che ribadisce l’importanza della Carta della Terra come quadro etico per lo sviluppo sostenibile. Nella dichiarazione, l’UNESCO incoraggia gli Stati membri a utilizzare i processi della Carta della Terra per l’educazione allo sviluppo sostenibile (ESD), in particolare nell’attuazione del nuovo quadro ESD per il 2030 e in relazione alla Dichiarazione dei principi etici dell’UNESCO del 2017 in relazione al clima Modificare. Tenendo conto dell’attuale situazione mondiale e delle crisi ambientali, compresi i cambiamenti climatici e la perdita di biodiversità, i delegati hanno ritenuto che fosse giunto il momento di agire e la Carta della Terra fornisce i principi e i valori necessari a tale scopo.

Agire sulla Carta della Terra

Di fronte ai complessi problemi che affliggono il mondo di oggi, è facile vedere cosa c’è che non va nella società e nell’economia, e l’incapacità dei leader di rispondere alle crisi che si stanno verificando. È molto più difficile proporre soluzioni, dal momento che molte non esistono ancora, o esostono solo in forme embrionali. Potrebbe anche essere difficile capire in quale direzione andare avanti. Abbiamo bisogno di più governance globale o di soluzioni locali su piccola scala o di entrambe? Le risposte si trovano nei quadri capitalisti o socialisti o in qualcosa di totalmente diverso? Come possiamo soddisfare le esigenze dei poveri proteggendo i processi naturali essenziali e la biodiversità? Probabilmente ci sono molte risposte diverse a tali domande, tutte appropriate in contesti specifici.

La famosa pensatrice di sistemi Donella Meadows, autrice di “The Limits to Growth”, ha scritto sui punti di leva: Luoghi da intervenire in un sistema (1999) necessari per realizzare il cambiamento.Nella parte superiore, in quanto più efficaci sono la mentalità o il paradigma da cui nasce il sistema, e oltre a ciò, il potere di trascendere i paradigmi, rendendosi conto che nessun paradigma è “vero”, ma che tutto dipende dallo scopo, dai valori in cui si crede .

Qual’è, quindi, il nostro ultimo scopo umano? Diventare ricchi e famosi, o forse affinare la nostra persona attraverso il servizio agli altri e contribuire a una civiltà in costante progresso? Questo è il regno dell’etica, della moralità e dei valori, se non della religione. Una volta orientati a livello di valori, ciò può guidare le nostre scelte comportamentali attraverso le complessità della vita e le sfide future. La Carta della Terra fornisce un quadro di valori per affrontare le sfide della sostenibilità umana in armonia con il mondo naturale, distillato dalla saggezza e dall’esperienza di molti popoli, culture e tradizioni di fede. In un mondo con poche indicazioni, può essere un punto di partenza importante.

Il Forum dei giovani offre un luogo per considerare queste domande, per ascoltare gli altri e per aiutarci a prendere le nostre menti (e cuori). È la generazione dei giovani che sta ereditando il mondo. Le generazioni precedenti hanno creato il problema. Possono i giovani fare di meglio? Attingendo alla Carta della Terra come testo ispiratore, quali domande vorranno esplorare? Come si possono applicare alcuni di quei principi in azioni pratiche? Spetta ai giovani creare la  loro agenda per questo Forum dei giovani. Possiamo pensarci in anticipo e venire preparati con alcune proposte, o attingere ispirazione al momento. Ci saranno occasioni per pubblicare i vari suggerimenti, ascoltare gli altri e organizzarsi in gruppi per discussioni creative, perfezionando le proposte che potranno essewre riportate all’intero gruppo.

Complessità e nuovi modi di pensare

Attingere ai principi della Carta della Terra può anche aiutare a trovare una direzione per affrontare la complessità dei nostri attuali problemi. I paradigmi economici, le specializzazioni ristrette e i modi di pensare lineari che ci hanno portato in questo pasticcio non ci aiuteranno a trovare una via d’uscita. Ci sono così tante variabili che si spostano e cambiano tutte in una volta. Il pensiero basato sulla complessità si distingue ascoltando molte voci contemporaneamente con un’apertura all’emergere di qualcosa di nuovo. La diversità delle opinioni può suggerire nuovi fattori che contribuiscono a un consenso creativo. I principi etici possono suggerire modi per soddisfare le esigenze di tutti. La creatività emergente può essere favorita dalla consapevolezza del numero di elementi e del numero di combinazioni con cui possono essere messi insieme. A volte ci sono scelte o punti di biforcazione in cui i cambiamenti o le decisioni chiave potrebbero avere importanti effetti a cascata che devono essere considerati. Quando emerge qualcosa di nuovo, si aprono molte possibilità adiacenti. Ad esempio, i personal computer hanno portato a Internet, che a sua volta era un fenomeno emergente completamente nuovo. I “nuovi modi di pensare” implicano entrambi nuovi modi di inquadrare o concettualizzare ciò che sta accadendo insieme a nuovi modi di pensare insieme.

Al fine di motivare le persone a cambiare, è importante trovare modi per catturare la propria immaginazione e influenzare le proprie emozioni. Ad esempio, nuove metafore possono essere generate attraverso l’interazione di diverse discipline. La metafora di una band musicale potrebbe essere usata per illustrare come le persone che fanno cose molto diverse in modo integrato possano produrre un risultato complessivo che sarebbe positivo e molto più della somma delle parti.

Un processo consultivo o di dialogo può essere distinto dalla discussione, che è un scuotimento analitico che separa i diversi aspetti di tutto ciò che viene discusso e il dibattito, in cui ciascuna parte tenta di vincere. Piuttosto il dialogo implica la condivisione consapevole delle idee e delle emozioni, comprese quelle ispirate dai precedenti oratori, un’apertura alla verità degli altri, una volontà di giocare con le possibilità e uno spirito di costruzione delle idee degli altri senza aggrapparsi alla propria prospettiva iniziale.

Un dialogo combina la presentazione di un problema – compresi i problemi, la prognosi e ciò che è in gioco – con domande che affrontano ciò che è fondamentale per passare alla sfida, inclusi principi come quelli della Carta della Terra. La dimensione ideale di ogni gruppo è da 8 a 12 partecipanti. Un facilitatore guida un dialogo inteso a generare modi creativi per affrontare il problema. I gruppi di partecipanti possono essere organizzati in modo consapevole per avere una varietà di voci, poiché la diversità aumenta la creatività. Questo è un modo efficace per affrontare la complessità. Durante questo forum potremmo provare ad applicare questo approccio nei nostri dialoghi.

Alcune domande di esempio basate sulla Carta della Terra

Come possiamo progettare un progetto locale o una consultazione della comunità per rendere la conservazione ambientale e la riabilitazione parte integrante di tutte le iniziative di sviluppo locale?

Come possiamo garantire che le nostre decisioni affrontino le conseguenze cumulative, a lungo termine, indirette, a lunga distanza e globali delle nostre attività?

Come possiamo adottare uno stile di vita che enfatizzi la nostra qualità della vita e la sufficienza materiale in un mondo finito?

Cosa possiamo fare per riconoscere e preservare la conoscenza tradizionale e la saggezza spirituale sia nella nostra cultura che in altre culture che contribuiscono alla protezione ambientale e al benessere umano?

Quali sforzi pratici possiamo fare per riconoscere gli ignorati, proteggere i vulnerabili, servire coloro che soffrono e consentire loro di sviluppare le loro capacità e perseguire le loro aspirazioni?

Quali ulteriori sforzi possiamo fare nella nostra vita per eliminare la discriminazione in tutte le sue forme, come quella basata su razza, colore, sesso, orientamento sessuale, religione, lingua e origine nazionale, etnica o sociale?

Come possiamo perseguire al meglio la nostra educazione morale e spirituale per una vita sostenibile?

Come possiamo aiutare la nostra generazione a riconoscere che la pace è la totalità creata da giuste relazioni con se stessi, altre persone, altre culture, altra vita, Terra e il più grande insieme di cui tutti fanno parte?

bookmark icon
Aspetta un attimo...

Sottoscrivi la nostra newsletter

Vuoi essere avvisato quando pubblichiamo nuovi articoli? Inserisci il tuo nome e il tuo indirizzo e-mail.