Società

I bambini oggi hanno bisogno di una nuova iniziativa

• Bookmarks: 22


Alla vigilia del 75 ° anniversario delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, il Segretario generale delle Nazioni Unite ha dichiarato che la pandemia di coronavirus è la principale minaccia alla sicurezza del mondo. Ha chiesto un’azione per una maggiore cooperazione internazionale nel controllo delle epidemie e nello sviluppo di un vaccino accessibile, disponibile per tutti. Tale azione è necessaria e possibile, anche in assenza di un grande raduno di leader mondiali a New York per celebrare l’anniversario. Ma i bambini oggi in ogni paese hanno bisogno di più.

Trent’anni fa, il 29/30 settembre 1990, il più grande raduno di leader mondiali mai tenuto, si riuniva presso la sede delle Nazioni Unite sotto gli auspici del Fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia, UNICEF. Questo era il vertice mondiale dei bambini. È stato un enorme successo, raccogliendo titoli in tutto il mondo e portando all’azione mondiale per i bambini.

Il Vertice ha fissato obiettivi per migliorare la situazione dei bambini ovunque, nel campo della salute, dell’istruzione e dei loro bisogni in circostanze particolarmente difficili. Tutti i paesi del mondo hanno adottato e accettato questi obiettivi e, da allora, tutti tranne gli Stati Uniti hanno – ratificato la Convenzione internazionale sui diritti dell’infanzia.

Il Vertice mondiale per i bambini è stato il frutto dell’ingegno dell’americano James P. Grant, il carismatico capo dell’UNICEF. Dopo i dubbi iniziali sul fatto che più di una manciata di presidenti o primi ministri sarebbero venuti per un incontro di alto livello sui bambini – al contrario di uno sul commercio o l’economia – il Vertice mondiale per i bambini si è svolto con 71 capi di Stato, incluso il presidente Bush e il primo ministro Thatcher.

Il successo dell’evento fu tale che l’idea di tenere riunioni del Vertice prese presto piede: il Vertice della Terra nel 1992, il Vertice mondiale per lo sviluppo sociale nel 1995, il Vertice del millennio nel 2000 e il Vertice per lo sviluppo sostenibile nel 2015. In base agli accordi raggiunti al Summit per i bambini, cosa più importante, seguendo gli obiettivi, la sopravvivenza dei bambini è migliorata notevolmente: il numero di bambini che muoiono sotto i cinque anni è stato ridotto del 60%, da 12 milioni nel 1990 a ben meno di 6 milioni oggi. L’immunizzazione, il monitoraggio della crescita e altre azioni hanno migliorato la salute e l’aspettativa di vita di milioni di bambini nei paesi in via di sviluppo e tutti i paesi hanno accettato che “il miglior interesse di un bambino deve essere una considerazione primaria”.

Oggi, quando i bambini sono seriamente minacciati dal Covid-19, il 30 ° anniversario del Summit dei bambini è un momento molto appropriato per i paesi per rinnovare e aggiornare i voti che hanno fatto allora. Sebbene i bambini abbiano molte meno probabilità di subire gli effetti diretti del virus, gli effetti indiretti sono già gravi: interruzioni dell’istruzione, trascuratezza delle cure mediche essenziali, rapporti disturbati con familiari, parenti e amici. Molti stanno anche subendo le conseguenze della violenza domestica e degli abusi sui minori. I paesi si stanno allontanando dall’azione collettiva nazionale e internazionale proprio quando è più necessaria.

La crisi COVID di oggi potrebbe essere un’opportunità per un nuovo impulso da investire nei nostri figli e nella prossima generazione di medici, infermieri, scienziati, statistici e operatori sanitari, che dovranno essere ben preparati per affrontare le crisi e le emergenze future. Sebbene non sia possibile un incontro collettivo, ogni paese deve considerare e pianificare i propri figli, sia per riprendersi dagli effetti immediati del virus sia per tracciare nuove strade per i prossimi cinque e dieci anni. I primi ministri e i capi di Stato dovrebbero assumere la guida, le assemblee dei cittadini dovrebbero aggiungere dettagli e le comunità ei governi dovrebbero assumersi gli impegni. Un vertice mondiale non è possibile né necessario, ma ogni paese deve considerare le nuove priorità per i propri bambini e fare piani e politiche seri per rispondervi.

Nota di redazione: Roberto Savio, da sempre personalmente impegnato sul tema della tutela dei diritti dell’infanzia, ci ha inviato questo draft di Richard Jolly, tra i più brillanti intellettuali delle  NU che pubblichiamo volentieri, sperando giovi alla causa.

Leggi anche https://www.italiani.net/2020/09/27/30-anniversario-del-vertice-mondiale-per-i-bambini/

22 recommended
bookmark icon