Trump è andato, ma il Trumpismo resta

 -  - 


Ora è chiaro che Joe Biden è il nuovo presidente degli Stati Uniti. E’ improbabile che la manovra legale di Donald Trump possa cambiare i risultati delle elezioni, come quando una Corte Suprema conservatrice nel 2000 decise a favore di George Bush contro Al Gore, che perse per 535 voti. Anche questa Corte Suprema, dove Trump ha sei membri simpatizzanti (tre nominati da lui, un bel record), e solo tre non simpatizzanti, non oserà cambiare un risultato proveniente da troppi Stati.

 Trump è andato, ma è triste dirlo, il Trumpismo è qui per restare. Ma è una situazione specifica degli Stati Uniti o è un fenomeno più generale? Pensiamo che, in un’epoca di globalizzazione, dovremmo tentare un’analisi globale. Questo lascerà fuori un trilione di fatti, di eventi e di analisi, ma questo è ormai il destino del giornalismo. Chiunque può aggiungere ciò che ritiene rilevante e decidere cosa è stato tralasciato. Questo sarà un grande miglioramento rispetto a questa analisi abbreviata.

Ma iniziamo prima con gli Stati Uniti. La vittoria di Biden è dovuta alla partecipazione insolitamente alta alle elezioni, dove ha attirato il 67% degli elettori. Nelle elezioni americane la partecipazione supera raramente il 50%, anche se la maggiore partecipazione è stata nel 1900, quando il 73% della popolazione ha votato. Ricordate che negli Stati Uniti il voto è definito come un privilegio, non come un dovere. Per votare bisogna registrarsi, e molti Stati lo rendono un compito impegnativo, escludendo automaticamente la parte più fragile della popolazione.

Biden ha vinto il più grande voto popolare della storia degli Stati Uniti: 71,4 milioni contro i 69,4 milioni ottenuti da Barack Obama. Tuttavia Trump ha raccolto 68,3 milioni di voti, quasi quattro milioni in più rispetto al 2016, nonostante una pandemia che, fino ad oggi, ha lasciato più di 230.000 morti, con la peggiore crisi economica dai tempi della Grande Depressione, e dopo quattro anni di scontri, alcune massicce, come Black Lives contano. Ha raddoppiato i voti della comunità LGBT, ha ottenuto il 18% dei voti degli afroamericani, le donne bianche hanno aumentato il loro voto per lui del 6%, e ha vinto la Florida grazie ai voti dei latini (cubani, venezuelani e, in misura minore, portoricani).

Gli Stati Uniti stanno attraversando una trasformazione demografica che aggraverà ulteriormente la polarizzazione. Il Census Bureau stima che quest’anno la maggior parte dei 74 milioni di bambini del Paese non sarà bianca. E nel decennio del 2040, la popolazione bianca sarà inferiore al 49% con il restante 51% composto da latini, neri, asiatici e altre minoranze.

La genesi degli Stati Uniti è diversa da quella dell’Europa. È stata creata da un’immigrazione di radicali religiosi inglesi, che volevano creare un mondo nuovo, una “città che brilla su una collina”, dove la laicità e la corruzione morale del loro Paese sarebbero state lasciate indietro. Dopo il loro arrivo, dovettero combattere contro gli indigeni considerati barbari, senza una vera religione (proprio come fece la conquista spagnola in America Latina).  La guerra d’indipendenza dall’Inghilterra rafforzò il valore morale della loro azione: la libertà dalla tirannia, E, con la Rivoluzione Industriale, arrivarono ondate dopo ondate di immigrati, tutti in fuga dall’Europa a causa della povertà o dell’oppressione Erano anche non istruiti e costretti a integrarsi in una società forte già esistente, che si definiva una società “WASP” (bianca, anglosassone, protestante). Per fare questo, gli Stati Uniti hanno inventato i mass media come strumento per il melting pot (fino ad allora in Europa i giornali avevano piccole tirature per le élite), e due miti: L’eccezionalità americana e il sogno americano.

La conquista dell’Occidente è stata una saga nazionale, con il cinema come altro strumento per il melting pot. Figli di diversi immigrati reagivano con gioia al suono della tromba che annunciava la carica della cavalleria che avrebbe spazzato via le orde di indiani che attaccavano. E accanto ai media e al cinema, una forte industria pubblicitaria ha modellato i gusti e i modelli di consumo. L’abbondanza di risorse naturali e l’arrivo permanente di immigrati hanno alimentato una crescita continua. Qui i due miti diventano verità incontestata. L’eccezionalità dell’America, il fatto che gli Stati Uniti hanno un destino diverso da tutti gli altri paesi, è diventato un punto fermo del discorso pubblico. Nel 1850 il presidente James Monroe emette una dichiarazione, con la quale nessun Paese europeo può più intervenire in America Latina. E ancora oggi, gran parte della popolazione pensa che gli Stati Uniti abbiano il diritto di intervenire nel mondo, perché gli Stati Uniti sono i custodi dell’ordine e della legge in un mondo caotico.

Per diventare cittadino americano, devi giurare di dimenticare le tue origini, perché sei nato un uomo nuovo. L’iscrizione sulla Statua della Libertà, che fu ciò che milioni di immigrati videro per primi dopo un lungo viaggio, reca un’iscrizione che simboleggia bene il mito:

“Custodite, antiche terre, il vostro fasto storico”, grida la Statua con labbra silenziose. “Datemi i vostri uomini stanchi, i vostri poveri, le vostre masse infreddolite che bramano di respirare libere, i miserabili rifiuti delle vostre coste brulicanti. Mandatemi questi, i senzatetto, persi nella tempesta. Io sollevo la mia lampada accanto alla porta d’oro!

Il secondo mito, il Sogno Americano, è stato un altro potente strumento di pazienza e di duro lavoro. Faceva parte dell’eredità dei fondatori protestanti. Chiunque lavori duramente diventerà ricco o benestante. Se non si diventa ricchi, è perché non ci si è sforzati abbastanza. Questo è il mito che la chiesa evangelica ha adottato: Dio ricompensa i fedeli laboriosi e non i pigri. Di conseguenza, la povertà non è contemplata da Dio. E la chiesa evangelica ha raggiunto un risultato notevole (non solo negli Stati Uniti, ma ovunque, dal Brasile al Guatemala): far votare i poveri a destra.

L’eccezionalità degli Stati Uniti è evidente quando si guarda alle altre colonie inglesi. L’Australia, per esempio, era la meta di prostitute, ladri e cittadini britannici in bancarotta. Non sarebbe mai pensabile che il primo ministro dell’Australia parlasse a nome dell’Australia e dell’Umanità, come fa abitualmente il presidente degli Stati Uniti. Né il primo ministro del Canada parla mai in nome di Dio o dice che Dio ama il Canada. Gli Stati Uniti sono l’unico Paese al mondo che non accetta che il suo personale militare sia giudicato da un tribunale straniero.

E gli Stati Uniti hanno visto la conferma del loro eccezionalità, e del loro ruolo di difensori dell’umanità, con la seconda guerra mondiale. Nonostante l’enorme perdita di truppe e civili russi (27 milioni, contro i 419.000 americani), il chiaro vincitore contro i mali del nazismo e del fascismo sono stati gli Stati Uniti d’America. Sono riusciti a vincere la guerra grazie alla sua sorprendente produzione militare (una nave in tre giorni) e alla costruzione della bomba atomica. Così, gli Stati Uniti sono entrati nella nostra epoca contemporanea con tutti i suoi miti rafforzati.

E il Piano Marshall, che ha fatto risorgere l’Europa dalle sue rovine, è stato una misura di contenimento contro il nuovo male, il comunismo, ma è diventato anche la prova definitiva della sua superiorità e solidarietà.

Gli Stati Uniti hanno anche creato le Nazioni Unite come un’istituzione che evitasse il ripetersi degli orrori della guerra. L’obiettivo era quello di riunire tutte le contee sotto lo stesso tetto e di prendere decisioni attraverso dibattiti e accordi, non la guerra. Ma il mondo non si è bloccato, perché la visione americana del mondo è diventata una camicia di forza per gli Stati Uniti. Predicava la libertà del commercio e degli investimenti. Certo, era di gran lunga il paese più forte, e quindi il vincitore di un Ordine mondiale americano, con la minaccia sovietica sotto controllo, la strategia formulata dal diplomatico americano George F. Kennan nel 1947.

Ma una volta che l’ONU si espande dai 50 paesi originari a 187, e si insiste sulla libera concorrenza e sul commercio, si diventa vittime della propria retorica. Quei paesi, in un’istituzione democratica, hanno tutti un voto. Nel 1973, l’Assemblea Generale ha votato all’unanimità per un Nuovo Ordine Economico Mondiale, basato sulla solidarietà internazionale e sul trasferimento di ricchezza dai Paesi ricchi ai poveri per lo sviluppo mondiale. Gli Stati Uniti hanno votato con l’Assemblea Generale. Ma poi venne Ronald Reagan, un ammiratore di John Wayne e per molti versi un precursore di Trump. Poco dopo la sua elezione, Reagan si recò al vertice nord-sud dei capi di Stato a Cancun, in Messico, nel 1981, per annunciare che gli Stati Uniti non accettavano più di essere un Paese come tutti gli altri, e che avrebbero perseguito una politica estera più conveniente per i loro interessi.

Reagan aveva anche una visione di un cambiamento radicale in casa. Credeva fermamente che i valori della giustizia sociale, della solidarietà e dell’equità fiscale fossero diventati un freno per l’economia e la società. Fu il primo a introdurre l’idea che lo stato (la “bestia”) fosse gonfio, costoso e inefficiente, e il nemico delle imprese e delle corporazioni, che dovrebbero essere lasciate intatte per consentire la liberazione di tutta la loro creatività. Tra l’altro, voleva chiudere il Ministero dell’Educazione, perché credeva che l’educazione potesse essere fatta meglio dal sistema privato. Era un ottimo comunicatore, e uno specialista nel trovare risposte facili a questioni molto complicate, banalizzando il vero problema – un esempio sull’ambiente: le industrie non inquinano, gli alberi inquinano. A suo tempo, gli Stati Uniti avevano raggiunto un livello di ricerca e di insegnamento impressionante (per pochi), come dimostrano i numerosi premi Nobel.

Reagan è stato anche il primo a sfidare apertamente le élite, parlando a nome dei cittadini comuni: il popolo. Ed è qui che la storia degli Stati Uniti perde la sua identità individuale e comincia a fondersi con il mondo. Reagan aveva una controparte in Europa, Margaret Thatcher, che condivideva la stessa visione, e andava a combattere i sindacati, a tagliare la spesa pubblica, a privatizzare le ferrovie, gli aeroporti e quant’altro possibile. Ha dichiarato che “la società non esiste, solo gli individui”. Insieme hanno lanciato quella che è stata chiamata la globalizzazione neoliberale e si sono ritirati dall’UNESCO. La base principale era che il mercato e non più l’uomo, era la base dell’economia e della società. Il segretario di Stato americano Henry Kissinger ha detto che la globalizzazione era il nuovo nome della dominazione americana.

Tutto questo è stato rafforzato da tre eventi storici. 1) La caduta del muro di Berlino nel 1989, che ha eliminato la minaccia del comunismo e ha dato al capitalismo una totale libertà di manovra. 2) Il Consenso di Washington, istituito dal Tesoro degli Stati Uniti, dal Fondo Monetario Internazionale e dalla Banca Mondiale. Il Consenso ordinò in tutto il mondo che i costi sociali erano improduttivi, che ogni barriera nazionale doveva essere abolita per consentire agli investimenti e al libero scambio di prosperare e privatizzare il più possibile. 3) La teoria della “Terza Via” del Primo Ministro britannico Tony Blair, secondo la quale, essendo impossibile fermare la globalizzazione, sarebbe meglio che la sinistra la cavalcasse e ne diventasse il volto umano. Così, per due decenni, sotto l’influenza americana, la globalizzazione neoliberale è diventata la norma di governance, sia a livello nazionale che internazionale. Secondo i suoi apologeti, avrebbe sollevato tutte le barche.

Ma poi, nel 2008, un terremoto ha scosso Wall Street. Nel 1999, sotto Bill Clinton, fu abolito il regolamento Steagall-Glass, adottato dopo il crollo del 1929. Quel regolamento manteneva le banche d’investimento separate dalle banche commerciali tradizionali. Un gigantesco tsunami ha colpito gli investimenti, cioè la speculazione. Libero da ogni controllo e controllo internazionale (il settore bancario è l’unico al mondo senza alcun regolatore o controllore), il sistema bancario ha preso vita propria, lasciando l’economia reale. E si è trasformato in operazioni sempre più speculative fino a quando, nel 2008, le banche americane sono praticamente fallite. La crisi si è estesa in tutto il mondo e nel 2009 anche in Europa le banche sono fallite. Secondo le stime dell’OCSE, per salvare il sistema bancario il mondo ha dovuto investire due trilioni di dollari. Si tratta di 267 dollari a persona in un mondo in cui quasi 2 miliardi di persone vivevano con meno di due dollari al giorno.

La crisi del 2008-2009, e la conseguente incertezza e paura, ha imposto un esame critico della teoria neoliberale, Per quasi tre decenni cittadini, media, società civile, economisti, sociologi e statistici avevano denunciato che la globalizzazione in realtà esacerbava l’ingiustizia sociale, espropriava molte persone del loro reddito attraverso la delocalizzazione delle imprese in luoghi più economici, creava una crescita disuguale tra città e zone rurali e gravi danni al pianeta, e che era urgente contrastare questi abusi.

Dopo 8 anni di George W. Bush, guerre e mancanza di attenzione ai problemi sociali del Paese, nel 2009 l’America ha eletto un uomo con un messaggio di speranza, integrazione e pace: Barack Obama. Ma se Obama voleva davvero disfare un sistema che era stato istituito da 20 anni, era fuori dalla sua portata. Nel 2015 il Senato degli Stati Uniti è passato nelle mani dei repubblicani, e il leader della maggioranza del Senato Mitch McConnell ha bloccato ogni possibile mossa dell’amministrazione Obama.  Nel 2017 si rifiutò persino di prendere in considerazione la proposta di Obama per la Corte Suprema, perché ci sarebbero state le elezioni tra dieci mesi (lo stesso Mitch McConnell che, in sole tre settimane, ottenne la nomina dell’integralista e tradizionalista cattolica Amy Coney Barrett alla vigilia delle elezioni appena tenute).

Mentre i sogni evocati da Obama hanno cominciato a svanire, la crisi del 2009 ha portato alcuni sviluppi politici senza precedenti. L’incertezza e la paura sono state esasperate anche dal flusso di immigrati provenienti da Paesi destabilizzati dagli interventi di Usa ed Europa in Paesi come Iraq, Libia e Siria, e da quelli in fuga da regimi dittatoriali e dalla fame. In tutto il mondo, che ha portato a un fiorire di nazionalismi e xenofobia, con la nascita di partiti cosiddetti “sovranisti” in ogni Paese d’Europa, e progressivamente in tutto il mondo. Tutti si basavano sulla xenofobia contro i migranti, sulla denuncia delle istituzioni mondiali e regionali come illegittime e nemiche degli interessi nazionali, e parlavano a nome delle persone vittime della globalizzazione: i lavoratori delle fabbriche chiuse a causa della delocalizzazione, i richiami a un passato glorioso (Brexit, 2016), la gente delle zone rurali lasciate indietro dal più rapido sviluppo delle città (i Giubbotti Gialli in Francia nel 2018), la brutale annessione del Kashmir all’India da parte del primo ministro indiano Narendra Modi nel 2019, la sorprendente eliminazione della protezione dell’Amazzonia da parte del presidente brasiliano Jair Bolsonaro nel 2019, l’annessione di Hong Kong 2020 da parte di Xi.

Sarebbe quindi un errore individuare Trump, quando ci troviamo di fronte a un problema molto più grave. Trump, ovviamente, ora lascia gli altri nudi. Forse questo è l’inizio di un nuovo ciclo politico… ma il sistema è ormai rotto, ed è quasi impossibile risolverlo. La pandemia di coronavirus ha messo un altro chiodo nella bara. L’ondata negazionista è un altro sintomo di come la crisi di fiducia abbia eroso la nostra società. E, tra l’altro, abbiamo ora due sostenitori della teoria della cospirazione del Qanon eletti alla Camera dei Rappresentanti. La teoria del Qanon è che Hillary Clinton e diverse altre figure importanti, da Bill Gates a George Soros, si riuniscono per bere il sangue di giovani ragazzi nella cantina di una pizzeria di New York. Trump dovrebbe essere il salvatore. Il fatto che la pizzeria in questione non abbia una cantina è irrilevante.

Per tornare negli Stati Uniti, i miti dell’eccezionalità e del sogno americano sono ormai svaniti negli Stati Uniti. Trump ha fatto sorprendentemente bene se si guarda la situazione con gli occhi di un uomo colto. È il primo presidente degli Stati Uniti che non ha mai parlato a nome del popolo: al contrario, ha ritratto come anti-americano chi non ha votato per lui. Nel suo governo, ha avuto pochissime riunioni di gabinetto e ha governato attraverso tweet, raramente consultando il suo staff. Mobilitava i timori della popolazione bianca contro gli immigrati e le altre minoranze; proclamava la legge e l’ordine contro ogni mobilitazione, demonizzando i partecipanti. È la quintessenza del narcisismo, ama solo se stesso, non si preoccupa di nessun altro e non si fida di nessuno. È un esempio di misogino, ha pagato le tasse in Cina, ma non negli Stati Uniti. Ha inaugurato l’era del post-verità, facendo ogni giorno diverse false affermazioni. Ha usato la pubblica amministrazione come personale personale, cambiando continuamente i funzionari pubblici e mettendo nel loro lavoro persone che condividono le sue idee. Il ministro dell’Istruzione non crede nella scuola pubblica. Il ministro della Giustizia ritiene che il presidente abbia potere sulla magistratura. Il responsabile dell’ambiente è contrario all’energia pulita. Sembra che i vampiri siano a capo delle banche del sangue!

È inutile elencare tutti i disastri di Trump negli affari internazionali come sono ben noti. Si è ritirato dall’idea della cooperazione internazionale, dall’accordo di Parigi sul clima, dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, ha messo in pericolo l’Organizzazione Mondiale del Commercio (una creazione americana), ha mostrato preferenze per dittatori come Putin e Kim Il Jong, e ha banalizzato l’alleanza NATO (un’altra creazione americana), e potremmo andare avanti all’infinito. Egli rappresenta il classico isolazionismo americano: lasciamoci ritirare da un mondo nel caos, che non ci apprezza, ma vuole solo sfruttarci. Ma ora viviamo in un mondo multipolare e la globalizzazione è giocata a più mani. Entro il 2035 la Cina avrà superato gli Stati Uniti come potenza più forte del mondo.

 Eppure, Trump ha raccolto voti da tutti gli strati malati della società americana. I bianchi che si sentono minacciati; i contadini che si sentono lasciati indietro; gli operai delle fabbriche che hanno chiuso a causa della delocalizzazione; la classe media benestante delle periferie che si sente minacciata dai poveri che invadono le loro proprietà; i neri che diventano borghesi e guardano con orrore alle miserie della maggioranza degli afroamericani; gli evangelici che erano contenti che una Corte Suprema diventasse un’ala destra e che avesse un vicepresidente, Mike Pence, e un segretario di Stato, Mike Pompeo, che sono evangelici; coloro che conservano il mito del Far West, il suo individualismo, il suo valore macho e le sue armi; tutti coloro che guardano allo Stato, al pubblico, come a un nemico della libertà; i poliziotti che hanno trovato la loro impunità sotto giudizio; coloro che hanno deciso che le donne, i gay, l’aborto e i diritti umani stavano inclinando l’America verso il contrario dei suoi valori fondanti. Tutte queste persone esistono, sono state unite da Trump, ma gli sopravvivono. E in un Paese dove ora c’è odio e gli oppositori sono diventati nemici, in un Paese afflitto dall’epidemia di oppioidi, dove un americano sotto i sei anni ha problemi psicologici, dove ogni anno muoiono più persone a causa delle armi che nella guerra del Vietnam, creare unità è un compito molto, molto difficile.

I democratici pensavano che mettere un candidato anziano e civile, Joe Biden, avrebbe riportato l’empatia e il dialogo come fattore di mobilitazione. In realtà, sembra più che Trump abbia perso le elezioni che Biden le abbia vinte. I progressisti lo vedono come un’epitome dell’establishment e continueranno a fargli pressione per liberarsi dal sistema. Sapremo solo il 6 gennaio se il Partito Repubblicano terrà il Senato, com’è probabile, e se il Senato tornerà sotto il controllo di Mitch McConnell il blocco che ha posto davanti a Obama sembrerà un momento di gentilezza. Biden potrà annullare molti degli ordini esecutivi di Trump ma, ad esempio, non potrà modificare la composizione della Corte Suprema, che durerà almeno un paio di decenni. Non sarà in grado di aumentare la copertura sanitaria. La possibilità di aumentare il salario minimo e di aumentare la tassazione sui ricchissimi sarà prossima allo zero. I repubblicani torneranno ad essere i custodi dell’austerità fiscale, dopo aver lasciato Trump aumentare il deficit nazionale a un livello senza precedenti. E la sempre più potente sinistra del Partito Democratico cercherà di condizionare e spingere Biden, da loro eletto solo per liberarsi di Trump.

Trump ha perso il suo Teflon, ed è un perdente. Ma ha 68 milioni di follower su Twitter, e probabilmente aprirà un suo canale televisivo. Sarà un problema serio per il Partito Repubblicano. Coltiverà il mito delle elezioni rubate e terrà i suoi seguaci in uno stato di scontro. Trump se n’è andato, ma il Trumpismo resta. E questo vale per il mondo.  Finché non elimineremo la globalizzazione neoliberale, la briscola, il Bolsonaros, il Viktor Orbans e così via di questo mondo sarà solo la parte visibile dell’iceberg. Ma cosa lo farà? Abbiamo un raggio di speranza da parte della società civile. Il dramma climatico ha riportato i giovani ad agire. E poi ci sono le altre due mobilitazioni mondiali, Me Too per la dignità della donna e Black Lives Matter per la lotta al razzismo (che non è solo un fenomeno americano), che hanno riunito milioni di persone in tutto il mondo.

Siamo in un periodo di transizione. Non è chiaro a cosa, ma possiamo solo sperare che sia senza sangue. Alla fine, dipenderà da uomini e donne di tutto il mondo, dalla capacità di trovare valori comuni nelle nostre diversità per stabilire relazioni di pace e creare giustizia sociale, solidarietà e partecipazione come ponti globali. Controllare il cambiamento climatico e salvare il nostro pianeta è un compito immediato e urgente. Questo dipenderà da ognuno di noi, e dobbiamo fare di questo il primo ponte da percorrere, con tutta l’umanità.

3 recommended
bookmark icon
Aspetta un attimo...

Sottoscrivi la nostra newsletter

Vuoi essere avvisato quando pubblichiamo nuovi articoli? Inserisci il tuo nome e il tuo indirizzo e-mail.