L’America Latina cambia politica

 -  - 


Ma come può la sinistra tornare a governare?

Il neoliberismo e l’anti-neoliberismo hanno avuto storie molto simili in sei paesi latinoamericani: Venezuela, Brasile, Argentina, Uruguay, Bolivia ed Ecuador. Sono nati in modo simile, accumulando forza nella resistenza ai governi neoliberisti nei loro paesi, erigendo leader nazionali per guidare la costruzione dei governi, vincendo e governando con enorme successo.

Sono stati molto vicini nel tempo, dall’elezione di Hugo Chávez nel 1998 a Rafael Correa nel 2006. Hanno governato simultaneamente per almeno un decennio, portando i loro paesi ad avere i governi più virtuosi della loro storia e proiettato leader di sinistra nel XXI secolo: Hugo Chávez, Lula, Nestor e Cristina Kirchner, Pepe Mujica, Evo Morales e Rafael Correa.

Hanno promosso la priorità delle politiche sociali piuttosto che la priorità degli aggiustamenti fiscali. Hanno promosso i processi di integrazione regionale e di scambio Sud-Sud invece degli accordi di libero scambio con gli Stati Uniti. Hanno promosso il salvataggio del ruolo attivo dello Stato, invece dello Stato minimo e della centralità del mercato. Sono riusciti a far crescere nuovamente le economie dei loro paesi, con la distribuzione del reddito, riducendo le disuguaglianze, mentre altri governi, in America Latina e nel resto del mondo, hanno aumentato disuguaglianze, esclusione sociale, fame e miseria. 

Questo fenomeno, che ha attraversato buona parte del primo decennio di questo secolo in quei sei paesi latinoamericani e parte del secondo, è stato interrotto dalla ricomposizione della destra in molti di questi paesi, con i governi neoliberisti che sono tornati in paesi come l’Argentina, il Brasile, Bolivia, Ecuador e Uruguay. Tutto è avvenuto in modo simile anche in alcuni di questi paesi: attraverso elezioni democratiche in Argentina e Uruguay, attraverso colpi di stato in Brasile e Bolivia, attraverso un diverso tipo di colpo di stato in Ecuador.

I nuovi governi di destra avevano in comune la ripresa del modello neoliberista in Argentina, Brasile, Bolivia, Ecuador, Uruguay, dimostrando che la destra non ha altra politica che quella neoliberista. E hanno fallito in Argentina e Bolivia, hanno fallito in Brasile ed Ecuador, tendono a fallire in Uruguay.

E la sinistra ha cominciato a tornare al governo attraverso elezioni democratiche in Argentina e Bolivia, tende a tornarvi a febbraio in Ecuador, e potrebbe benissimo tornarci in Brasile e Uruguay. Dove è tornato – Argentina e Bolivia – e dove sta per tornare – Ecuador – lo ha fatto in modo simile. Quali lezioni si possono trarre da queste esperienze per il Brasile e l’Uruguay?

In primo luogo, che l’asse della forza politica ed elettorale che ha permesso alla sinistra di tornare al governo erano le stesse forze che avevano governato nel periodo precedente: il kirchnerismo in Argentina, il MAS in Bolivia, le forze della correitas in Ecuador e non altre forze di sinistra o una sorta di alleanza tra diverse forze di sinistra e di centro. Queste forze sono quelle che rappresentano, con piena legittimità, i governi che hanno sostanzialmente migliorato la vita delle persone, e che hanno canalizzato il sostegno precedentemente ottenuto per essere eletti e rieletti.

È stato il kirchnerismo a comandare il processo di vittoria elettorale e la costruzione di un nuovo governo in Argentina, è il MAS che l’ha fatto in Bolivia, sono le forze correiste che hanno questo ruolo in Ecuador. La lezione è che questa funzione appartiene al PT in Brasile e al Frente Amplio in Uruguay.

Per difendersi dalla legalizzazione della politica, che perseguitava legalmente i leader del periodo precedente – Cristina Kirchner, Evo Morales e Rafael Correa – si cercavano candidati per evitare questa persecuzione. Alberto Fernández è stato eletto candidato in Argentina, Luis Arce in Bolivia, Andrés Arauz in Ecuador.

Così, in questi tre paesi c’è stata la guida indiscutibile di Cristina Kirchner, Evo Morales e Rafael Correa, per ricostruire le forze che portano al ritorno della sinistra al governo. Allo stesso modo, in Brasile, Lula ha la leadership e i titoli indiscussi per essere il candidato della sinistra, se riuscirà a riconquistare i suoi pieni diritti politici, o avrà un ruolo fondamentale nella designazione del candidato alternativo, così come il PT avrà un ruolo centrale in questo processo di restituzione della sinistra al governo. Il Frente Amplio inizia a definire la sua ricomposizione e potrà contare su queste esperienze per completare il ritorno della sinistra al governo in questi sei paesi latinoamericani.

5 recommended
bookmark icon
Aspetta un attimo...

Sottoscrivi la nostra newsletter

Vuoi essere avvisato quando pubblichiamo nuovi articoli? Inserisci il tuo nome e il tuo indirizzo e-mail.