L’era di Gorbaciov

 -  - 


Per commemorare l’imminente trentesimo anniversario della disintegrazione dell’Unione Sovietica, due libri sono stati pubblicati praticamente contemporaneamente in Gran Bretagna e Francia. I loro titoli sono quasi identici: Seven Years that Changed the World, dello storico di Oxford Archie Brown, e Six années qui ont changé le monde, di Helene Carrere d’Encausse, segretaria perpetua dell’Accademia di Francia. Entrambi erano dedicati all’eccezionale evento storico della fine del XX secolo: la Perestrojka sovietica e il suo leader e simbolo Mikhail Gorbachev.

Ovviamente, senza coordinarsi tra loro, nessuno dei due autori resistette alla tentazione di tracciare un parallelo con il leggendario libro del giornalista americano John Reed intitolato Ten Days That Shook the World, dedicato alla Rivoluzione d’Ottobre in Russia nel 1917. Il motivo è Ovvio: entrambi gli eventi sono strettamente correlati non solo perché si sono svolti in Russia, ma anche per la logica della storia.

Secondo Gorbaciov, la Perestrojka iniziò come la “continuazione della Rivoluzione d’Ottobre” ma, al contrario, pose fine all’esperimento sociale senza precedenti di realizzare nel vasto territorio della Russia il progetto comunista utopico lanciato da Lenin e dai bolscevichi russi 70 anni prima.

Secondo un altro famoso storico britannico, Sir Eric Hobsbawm, due eventi hanno incorniciato il periodo del “ventesimo secolo breve” politico: la prima crisi globale del capitalismo che ha portato alla Prima guerra mondiale, e poi la tragedia della Seconda guerra mondiale. Fortunatamente sfuggendo al terzo evento che sarebbe stato l’ultimo, con molte possibilità di diventare nucleare. “Se non fosse stato per Gorbaciov!” Concludono all’unanimità i nostri due autori.

Ovviamente, l’importanza della fine pacifica del conflitto strategico e ideologico tra Oriente e Occidente e l’inaspettato suicidio politico di una delle due superpotenze mondiali non può essere ridotta solo alla fine della Guerra Fredda. A dire il vero, la rivoluzione politica della Perestrojka lanciata in Unione Sovietica da Gorbaciov e dai suoi sostenitori ha trasformato radicalmente la Russia e ha lasciato il segno nel successivo sviluppo mondiale.

L’avanzata politica senza precedenti compiuta durante gli anni della Perestrojka permise alla Russia sovietica di raggiungere l’apice della storia mondiale e di sfondare le mura della fortezza assediata entro la quale il regime repressivo la teneva. Per la prima volta nella storia russa, ai suoi cittadini è stato concesso il diritto a libere elezioni, libertà di espressione e accesso a fonti di informazione pluralistiche.

Per lo stesso Gorbaciov, l’obiettivo iniziale della Perestrojka era cercare di dare una seconda possibilità al progetto russo di rinnovamento socialista. Sognando la fusione dell’ideale socialista con la democrazia, aveva in mente l’immagine del “socialismo dal volto umano”, simile al progetto dei riformisti comunisti della Primavera di Praga del 1968.

La complessità del suo compito era basata su un’ambiguità: Gorbaciov era obbligato a distruggere il sistema totalitario utilizzando l’unico strumento politico a sua disposizione: lo Stato monopartitico. Ma essendo iniziata come un tentativo di modernizzare il sistema politico arcaico, la Perestrojka ha rapidamente provocato resistenza e opposizione da parte delle forze conservatrici, preoccupate per la prospettiva di perdere le loro posizioni privilegiate.

Un’altra sfida che ha dovuto affrontare è stata quella di realizzare una riforma economica che consentisse all’Unione Sovietica di costruire un modello economico competitivo che combinasse gli imperativi del mercato con le preoccupazioni e le conquiste sociali degli anni precedenti che i cittadini sovietici non erano disposti a sacrificare.

La condizione fondamentale per questo era porre fine alla corsa agli armamenti con l’Occidente, che costrinse l’Unione Sovietica a spendere una parte sproporzionata del suo bilancio nazionale per scopi militari, il che influì sul tenore di vita della sua popolazione. Tuttavia, nonostante l’enorme prezzo che l’Unione Sovietica stava pagando per mantenere il suo status di superpotenza, negli anni ’80 il paese viveva in una situazione di isolamento politico senza precedenti, coinvolto in vari conflitti non solo con i suoi avversari occidentali, ma anche con la Cina e i musulmani. Soprattutto dopo l’invasione dell’Afghanistan nel 1979.

Dopo aver avviato l’audace politica di distensione con l’Occidente e aver suggerito all’amministrazione Reagan degli Stati Uniti un ambizioso programma di disarmo nucleare, Gorbaciov ha cercato di fermare l’assurda corsa agli armamenti e contrastare l’immagine dell’URSS come fonte di pericolo militare per il mondo esterno.

L’obiettivo iniziale della Perestrojka era cercare di dare una seconda possibilità al progetto russo di rinnovamento socialista. Sognando la fusione dell’ideale socialista con la democrazia, aveva in mente l’immagine del “socialismo dal volto umano”, simile al progetto dei riformisti comunisti della Primavera di Praga del 1968.

Nei diversi anni della sua nuova politica estera, il mondo è cambiato radicalmente. Il clima di confronto politico si dissipò, i missili nucleari a medio raggio sovietici e americani furono ritirati dall’Europa, le truppe sovietiche si ritirarono dall’Afghanistan e dai territori dei membri del Patto di Varsavia, e finalmente il triste simbolo della Guerra Fredda – il muro di Berlino – fu distrutto, aprendo la strada all’unificazione della Germania.

Nell’ottobre 1990, Gorbaciov è stato insignito del Premio Nobel per la Pace per il suo “ruolo di primo piano nella promozione del processo di pace come componente importante nella vita della comunità mondiale”. Tuttavia, è stato costretto a declinare l’invito a partecipare alla cerimonia di Oslo, poiché ha dovuto affrontare un’acuta crisi politica nel suo paese, causata dalla portata senza precedenti delle riforme che aveva avviato.

Dopo sei anni di drammatici cambiamenti politici introdotti dalla Perestrojka nella società sovietica, le persone erano impazienti di ottenere i “dividendi” della democrazia nella loro vita quotidiana, ma la crisi economica ha aggravato il confronto politico all’interno della società con il conflitto tra riformisti radicali e conservatori.

In questi tempi di transizione senza precedenti, i partner occidentali di Gorbaciov non erano disposti a condividere con lo stato sovietico i “dividendi della pace” e la fine inaspettata della guerra fredda che dovevano alla Perestrojka. Gli appelli di Gorbaciov per l’aiuto all’economia russa in questa fase della sua radicale trasformazione, rivolti due volte ai leader del G7 nei loro incontri a Houston e Londra, sono stati respinti in quanto non “redditizi” dal punto di vista economico.

Ben presto Gorbaciov dovette rendersi conto che porre fine alla Guerra Fredda era più facile che trasformare e democratizzare la società russa e resistere agli attacchi dei suoi avversari politici. L’indebolimento del meccanismo repressivo dello Stato centrale ha offerto un’opportunità per l’attivazione di movimenti nazionalisti e separatisti, minando l’integrità dello Stato federale.

Nell’agosto 1991, come nell’agosto 1968, vent’anni dopo i carri armati sovietici inviati dagli organizzatori del fallito colpo di stato contro Gorbaciov interruppero il loro tentativo di esibirsi a Mosca sulla scena della Primavera di Praga. E nel dicembre dello stesso anno, un’altra cospirazione politica – un complotto organizzato dai suoi rivali politici, i leader di Russia, Bielorussia e Ucraina – fu l’annuncio dello scioglimento dell’Unione Sovietica e costrinse Gorbaciov a dimettersi dalla carica di presidente.

Lo stesso Gorbaciov considerava la dissoluzione dell’Unione Sovietica uno dei più importanti fallimenti della sua azione. Credeva che lo Stato federale, che univa nazioni storicamente e culturalmente vicine e interdipendenti, potesse essere mantenuto sotto forma di un’unione democratica volontaria ispirata all’esempio dell’Unione Europea.

Era inoltre convinto che l’esistenza di questo tipo di alleanza geostrategica di nazioni che occupano la vasta area che va dal Mar Baltico e dal Mar Nero e raggiunge il Pacifico in Estremo Oriente potesse servire da fattore stabilizzante nel caotico panorama internazionale emerso. Dopo la fine della Guerra Fredda, che non si basava sui principi del “nuovo pensiero politico” ma sul “diritto al potere” ed è stata sottoposta alla violenza delle forze estremiste.

Sfortunatamente, dopo le dimissioni di Gorbaciov, la Russia e l’Occidente non hanno trovato una via d’uscita comune dalla Guerra Fredda e l’hanno conclusa non come partner ma come rivali. Invece di far parte della comune “casa europea” progettata da Gorbaciov, la Russia post-sovietica viene spinta alla periferia della politica mondiale e guarda con crescente risentimento la competizione tra i principali attori mondiali per la divisione della successione dell’Unione Sovietica.

Ma anche la politica occidentale è obbligata a pagare un prezzo alto per la perdita dell’“opportunità di Gorbaciov”. Il fatto che in Occidente la fine pacifica della Guerra Fredda – resa possibile dall’azione audace di Gorbaciov – sia vista come la storica capitolazione dell’Unione Sovietica, contribuisce a sentimenti di umiliazione nazionale all’interno della società russa e alimenta antioccidentali e nazionalisti, prese di posizione nella sua politica estera e il desiderio di vendetta storica.

Tuttavia, anche l’attuale quadro incerto e preoccupante della scena mondiale non dovrebbe essere considerato motivo di pessimismo. La “Fine della Storia” annunciata da Fukuyama non è avvenuta e il trionfo mondiale del modello occidentale di liberalismo sembra tanto illusorio quanto la terra promessa dell’utopia comunista.

Nel frattempo, il sogno di Gorbaciov di un mondo libero dalle armi nucleari sta guadagnando nuovi sostenitori. Questa prospettiva è stata recentemente condivisa da Papa Francesco, mentre il testo della dichiarazione di divieto delle armi nucleari è stato adottato dalla stragrande maggioranza dei membri dell’Onu durante l’Assemblea Generale. Quindi forse anche in occasione del suo 90° compleanno, il 2 marzo di quest’anno, è troppo presto per fare il punto sull’”era di Gorbaciov”.

* Il dottor Andrei Grachev, analista politico e giornalista russo, è stato consigliere di Mikhail Gorbachev e portavoce ufficiale del presidente dell’URSS fino alle sue dimissioni nel dicembre 1991. Attualmente è editorialista per “Novaya Gazeta” (Russia) e presidente del comitato scientifico del New Policy Forum. Ha pubblicato diversi libri in russo, francese e inglese. L’ultimo è “Un nouvel avant-guerre. Des hyperpuissances à l’hyperpoker”, edito da Alma Editeurs.

7 recommended
bookmark icon
Aspetta un attimo...

Sottoscrivi la nostra newsletter

Vuoi essere avvisato quando pubblichiamo nuovi articoli? Inserisci il tuo nome e il tuo indirizzo e-mail.