Questo momento mi appartiene

 -  - 


Questo momento mi appartiene
Questo momento mi appartiene

Per il peregrinaggio e lo sconforto
Per tutto ciò che è stato e non è più

Le orme dei miei piedi segnano il tracciato di molti confini
Da Kabul a Roma
Da Tamerlano a Giulio Cesare
Passando per terre che trasudano de Gobineau

Questo momento mi appartiene
Ed io lo regalo a mia madre
Che per tutta la vita ha ricamato i suoi desideri
Su scampoli di cotone
Solo per permettere a mio padre
Di soffiarcisi il naso

Per le mie sorelle isolate dal mondo
e per i miei fratelli
che al posto dei libri
senza averne l’intenzione
hanno imbracciato i fucili

Questo momento mi appartiene
ed io lo donerò alle lacrime e alle grida
affinché il riflesso e l’eco
sveglino i sordi e ridiano la vista ai ciechi
della mia città

Questo momento non mi appartiene più
è tempo di andare
tocca a me raccontare le acque vagabonde
del Mediterraneo
affinché le orme dei miei piedi divengano indelebili

Basir Ahang, poeta afghano.

4 recommended
bookmark icon
Aspetta un attimo...

Sottoscrivi la nostra newsletter

Vuoi essere avvisato quando pubblichiamo nuovi articoli? Inserisci il tuo nome e il tuo indirizzo e-mail.