Il lato oscuro del successo economico tedesco
di Juan Torres López * - Público.es

Col permesso dell'Autore e dell'Editore pubblichiamo questo articolo, già pubblicato su OtherNews http://www.other-net.info/

Il successo e l'alta performance dell'economia tedesca negli ultimi anni, anche in mezzo ad una così forte crisi globale come quella che abbiamo sperimentato, è indiscusso. E non c'è dubbio che sia così, perché è riuscita ad affermarsi come uno dei principali paesi esportatori.
Allo stato attuale, la Germania è il terzo esportatore (dopo la Cina e gli Stati Uniti) e il terzo più grande importatore. Nel 2014 rappresentava il 7,2% del commercio mondiale (a fronte dell'11,3% e del 10,6% per la Cina e gli Stati Uniti, rispettivamente). Le esportazioni percentuali rispetto al PIL hanno raggiunto il 45,7% nel 2014 e le importazioni il 39,1% (contro il 32% e il 29,6% in Spagna, ad esempio). Ciò significa che la sua apertura (misurata come percentuale del PIL è la somma di esportazioni e importazioni) è 84,8%, la percentuale più alta di tutti i paesi più ricchi del mondo e 23 punti in più rispetto alla Spagna.
La Germania ha avuto un surplus commerciale pari all'8% del PIL nel 2014, a differenza di quanto accade in altre grandi potenze economiche. La Cina, molto indietro, ha avuto il 3,5%, ma altri avevano deficit, come ad esempio il Regno Unito (-6%), gli Stati Uniti (-4,5% del PIL), la Francia (-3,4%) o la Spagna (-2,4%). L'entità di questo surplus si comprende se si considera che dal 2000 fino alla fine del 2015, secondo le ultime previsioni, avrà raggiunto circa due miliardi di euro.
Il successo dell'economia tedesca nel suo complesso è evidente anche con l'evoluzione del debito pubblico che, a differenza di ciò che sta accadendo in quasi tutte le altre grandi economie è in diminuzione, essendo caduto in piena crisi (dal 2010 al 2014) di cinque punti e mezzo (dal 80,5% al 74%).
Nell'immaginario collettivo, i successi tedeschi di solito sono spiegati con l'idea che i suoi abitanti sono laboriosi e parsimoniosi soprattutto a differenza di quanto accade per gli altri, e in particolare per quelli dell'Europa meridionale, di cui sempre si dice che lavoriamo di meno, che dipendiamo dagli aiuti tedeschi e spendiamo molto, vivendo al di là dei nostri mezzi.
E di solito si nota, tuttavia, che l'economia tedesca è diventata una grande potenza grazie all'aiuto e alla generosità di altre persone. In particolare, grazie ai debiti mai restituiti, cioè, di centinaia di migliaia di lavoratori di altri paesi che hanno lavorato gratis per sollevare una Germania allora distrutta per la sua propria responsabilità. Una generosità che i potenti tedeschi negano ad altri popoli. E soprattutto, si nasconde che il successo dell'economia tedesca è distribuito in modo molto disuguale tra i tedeschi stessi, in modo che una grande parte di loro (e soprattutto delle tedesche, come mostrerò a breve) sopporta condizioni di lavoro e sociali sempre peggiori e meno soddisfacenti.
La superiorità dell'industria tedesca rispetto ai suoi concorrenti di solito è spiegata da due tipi di fattori. Da un lato, per i loro bassi salari, qualcosa che si è potuto raggiungere grazie alle riforme volte a ridurre il potere contrattuale dei lavoratori a partire dalla riunificazione; e grazie alla cosiddetta legge Hartz che ha consolidato il lavoro spazzatura o minijobs. Inoltre, per il miglior rapporto qualità/prezzo delle esportazioni tedesche provenienti dalla sua specializzazione in prodotti high-end o "nobili" che possono essere venduti, anche in presenza di aumento dei prezzi. E, infine, perché oltre a ciò l'industria tedesca esternalizza, come dire produce all'estero (cioè produce al di fuori dei suoi confini) una buona percentuale dei componenti di sua produzione (52% nel 2012).
Uno studio recente mostra che i salari bassi specificatamente spiegherebbero il 40% del vantaggio della Germania rispetto alla Francia e le restanti cause spiegherebbero il resto del vantaggio (France et Allemagne: une histoire du désajustement europeen).
Attraverso la creazione di condizioni di negoziati in materia di lavoro sempre più asimmetrici, gli operai tedeschi continuano a guadagnare in media il 3% in meno rispetto al 2000, in termini reali, cioè tenendo conto del rialzo dei prezzi, e si stima che, grazie a ciò la massa salariale ha perso circa un miliardo di euro in questi ultimi anni, logicamente a beneficio dei diversi redditi da capitale.
Come ho detto, la legge Hartz ha dato modo di generalizzare i minijobs, autentico lavoro immondizia che nasconde la realtà sul lavoro dipendente tedesco. Oggi ci sono circa 7 milioni di posti di lavoro di questo tipo e 4,5 milioni di lavoratori guadagnano meno di 450 euro al mese per 24 ore di lavoro a settimana, con un salario/ora di circa 5,6 euro in media. Il 90% di coloro che occupano questi posti di lavoro stanno lavorando meno di 20 ore a settimana e nel 75% dei casi hanno un salario inferiore a 8,5 euro all'ora.
Questi minijobs si caratterizzano per il fatto che la retribuzione lorda è uguale al salario netto, vale a dire, che non comporta alcun tipo di contributo, e quindi praticamente nessuna copertura dei diritti sociali. Non ci sono remunerazioni per malattia né per qualsiasi altro tipo di situazione. E i diritti passivi che generano sono ridicoli: la pensione che si avrebbe diritto di ricevere dopo aver lavorato 45 anni in uno di questi minijobs sarebbe di 150 euro al mese.
Soprattutto le donne sopportano questo modo speciale di lavoro precario. Loro occupano due terzi di tutti i minijobs e tre su quattro donne impiegate in tali lavori hanno questa occupazione come unica fonte di reddito.
L'intensità di occupazione femminile in minijobs significa che le donne sono completamente dipendenti dagli uomini nel momento in cui devono ricevere prestazioni sociali. Questo si spiega perché l'84% delle donne che hanno solo questi posti di lavoro spazzatura è coniugato (rispetto al 60% di tutte le donne tedesche). Ed è anche interessante notare che questo tipo di occupazione spazzatura tende ad essere permanente, vale a dire, rallentando la mobilità quasi del tutto verso l'alto: un terzo degli impiegati in minijobs rimangono così anche dopo 10 anni e il 50% dopo sei anni.
Se è vero che i minijobs hanno aumentato il tasso di occupazione delle donne (62% nel 2002, al 71,5% nel 2012) è certo anche che si dividono la stessa quantità di lavoro perché una gran parte è impiegata a tempo parziale, con una media di 19 ore settimanali con un salario di 5,6 euro in media.
La conseguenza di ciò è che la Germania è diventata uno dei paesi europei con i più alti livelli di disuguaglianza e si raggiungono livelli record di povertà. Ci sono attualmente circa 12,5 milioni di poveri (che guadagnano meno di 900 euro al mese), ed un milione in più di tedeschi poveri nel 2013 rispetto a otto anni prima. Ed in questo ambito si evidenzia anche la maggiore sofferenza delle donne, in particolare la situazione delle madri non sposate, perché il 40% di loro sono povere. In una grande potenza economica come la Germania, il 20% di tutti i suoi cittadini e i due terzi dei disoccupati non hanno alcuna patrimonio.
Ma per garantire il successo dell'export tedesco non solo si è reso necessario ridurre gli stipendi dei lavoratori, ma anche imporre una regola di moderazione salariale ai paesi vicini, sia perché in concorrenza con loro sia perché in quelli esternalizza una parte della propria produzione, come ho detto. E così si scopre che il "successo" dell'economia tedesca diventa il principale fattore di instabilità per l'economia europea: un'economia eccedentaria dovrebbe alzare i salari e non fare ciò che fa, cioè obbligare ad abbassarli mentre invece hanno bisogno di alzarli per migliorare le prestazioni della propria economia.
Infine, sembra che la Germania non investe il surplus generato nella propria economia e questo non solo impedisce di limitare disuguaglianza e povertà, ma causa anche altre gravi carenze nelle infrastrutture e nel capitale sociale. Il fondo delle eccedenze serve per finanziare altri paesi perché possano comprare i suoi ad altri paesi in modo che possano acquistare i lsuoi prodotti (190.000 milioni di euro nel 2014) o, come prima della crisi, utilizzati in modo che le proprie banche facciano affari alimentando bolle speculative.
In ultima analisi, il successo dell'economia tedesca ha pagani chiari: i lavoratori tedeschi e in particolare le donne, i gruppi sociali con i più bassi redditi, delle economie e dei paesi che la circondano e che sono stati così stupidi ad accettare il dominio politico e istituzionale loro grandi gruppi economici e finanziari. E non solo: il modello che la Germania impone al resto d'Europa terminare il progetto europeo nel suo insieme, perché può affondare solo quando sulla base di asimmetria e divergenza, come sta accadendo. E soprattutto, perché costantemente favorire i grandi gruppi economici e finanziari hanno bisogno di smantellare la democrazia.
Il successo economico della Germania è la rovina di milioni di tedeschi e il resto d'Europa e l'inizio della fine della democrazia in Europa. Ed è un peccato che questa non è la prima volta che accade. 17 settembre 2015
---------------
* Juan Torres López è professore di Economia Applicata presso l'Università di Siviglia.
Columnist del diario electrónico español Público.es

Stampa

Italian Media s.r.l. - via del Babuino 107, Roma, c.a.p. 00187, p.IVA 09099241003, edita il settimanale Italiani con registrazione al Tribunale di Roma n. 158/2013 del 25.06.2013 - email: info@italianmedia.eu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.
Questo sito usa i cookie per migliorare la tua esperienza d'uso e usa cookie di terze parti. Proseguendo nella navigazione si presta implicitamente il consenso all’utilizzo di questi strumenti. Si rimanda alla nostra privacy policy per maggiori informazioni e per la possibilità di negare il consenso.