Montaggio: a destra Il giornalista Roberto Savio, foto di Massimo Predieri per Italiani e a sinistra Unha-3 space launch vehicle at Sohae Satellite Launching Station. By Sungwon Baik / VOA - North Korea Rocket Launch - Photo Galleries, Public Domain, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=19067047

La crisi coreana spiegata dall’esperto di politica internazionale Roberto Savio

Corea del Nord: la strategia della sopravvivenza
di Massimo Predieri

Roberto Savio è da mezzo secolo protagonista ed informato osservatore della politica mondiale: dalla Guerra Fredda fino all’avvento di Putin e Trump.
Lo abbiamo incontrato nella storica sede dell’Inter Press Service (IPS) all’interno del Palazzo Passarini Falletti a Roma, per intervistarlo sull’attuale crisi della Corea del Nord guidata dal suo inquietante leader Kim Jong-un.
Grazie al suo straordinario bagaglio di esperienze dirette e alla sua capacità analitica, Savio ha fornito una concisa ed illuminante interpretazione della crisi coreana, evidenziando  un’analogia tra la Corea del Nord e l’Iran. In entrambi i casi si tratta di paesi guidati da regimi non graditi agli Stati Uniti e che, per non soccombere, devono adottare delle strategie di sopravvivenza.
Dal punto di vista di Kim Jong-un, secondo Savio, l’obiettivo non può che essere quello di seguire il modello iraniano, dotandosi di armi nucleari, per ottenere il riconoscimento delle potenze occidentali.
Ecco il video dell’intervista esclusiva rilasciata ad Italiani.

Stampa

Italian Media s.r.l. - via del Babuino 107, Roma, c.a.p. 00187, p.IVA 09099241003, edita il settimanale Italiani con registrazione al Tribunale di Roma n. 158/2013 del 25.06.2013 - email: info@italianmedia.eu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.
Questo sito usa i cookie per migliorare la tua esperienza d'uso e usa cookie di terze parti. Proseguendo nella navigazione si presta implicitamente il consenso all’utilizzo di questi strumenti. Si rimanda alla nostra privacy policy per maggiori informazioni e per la possibilità di negare il consenso.