Gorbachev e Reagan alla firma del trattato INF, Wikepedia Commons

Il premio Nobel ed ex segretario generale sovietico Michail Gorbachev lancia un appello 

Gorbachev: a rischio l’accordo sul nucleare
di Massimo Predieri

L’8 dicembre sono passati 30 anni dalla firma del trattato sulle forze nucleari a medio raggio (INF). Quel trattato, che sancì la fine della guerra fredda e della escalation nucleare, non è mai stato così in pericolo come oggi. E’ quanto afferma uno dei due firmatari, il premio Nobel Michail Gorbachev, allora segretario generale sovietico. L’altro era il presidente degli Stati Uniti Ronald Reagan.

L’anniversario sembra essere stato ignorato dai leader politici e dai media. L’attuale tensione causata dai test missilistici in Corea del Nord e dall’atteggiamento bellicoso della Casa Bianca verso il regime di Kim Jong e l’Iran la fanno piuttosto temere una ripresa della corsa agli armamenti nucleari.

Gorbachev, che oggi ha 86 anni, sale alla ribalta per ammonire sul rischio di una terza guerra mondiale e lanciare un appello a tornare al tavolo dei negoziati e scongiurare una guerra atomica che cancellerebbe la civiltà umana dalla terra.

"Il crollo del trattato (INF) avrebbe conseguenze molto pesanti", ha dichiarato Gorbachev in occasione della ricorrenza dell’8 dicembre, "sia conseguenze dirette, con lo schieramento di missili ai confini della Russia e dei paesi europei, sia conseguenze collaterali".

"Sono fiducioso, ha proseguito Gorbachev, che se ricevono un impulso da entrambi i presidenti (di USA e Russia, ndr) i militari e i diplomatici possono risolvere i problemi tecnici. La cosa più importante è che il trattato funga da base della stabilità strategica e non debba, in nessuna circostanza, essere sacrificato a causa di qualche congiuntura politica".

Gorbachev, quale presidente onorario del New Policy Forum, era intervento al Symposium sul cambiamento climatico organizzato dalla Fondazione Italiani all’inizio di maggio, con queste parole: “Il nostro Pianeta è minacciato da due pericoli: Il primo: l’arma nucleare e la nuova corsa agli armamenti. Il secondo: il cambiamento climatico globale.”

Recentemente anche papa Francesco si è schierato con fermezza sull’urgenza del disarmo nucleare. Il 2 dicembre, parlando con i giornalisti, he evidenziato i cambiamenti rispetto ai tempi in cui papa Giovanni Paolo II riteneva moralmente accettabile la deterrenza nucleare: “La crescita dell’armamento nucleare ci ha portati al limite della liceità.”

Stampa

Italian Media s.r.l. - via del Babuino 107, Roma, c.a.p. 00187, p.IVA 09099241003, edita il settimanale Italiani con registrazione al Tribunale di Roma n. 158/2013 del 25.06.2013 - email: info@italianmedia.eu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.
Questo sito usa i cookie per migliorare la tua esperienza d'uso e usa cookie di terze parti. Proseguendo nella navigazione si presta implicitamente il consenso all’utilizzo di questi strumenti. Si rimanda alla nostra privacy policy per maggiori informazioni e per la possibilità di negare il consenso.