Filippo Grandi, Alto Commissario per i Rifugiati UNHCR, durante una conferenza stampa allOECD, foto OECD/Andrew Wheeler, Creative Commons

UNHCR soddisfatta per la fine dello stallo

Serve una gestione strutturata dei soccorsi
di UNHCR

L’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR) esprime soddisfazione per le azioni intraprese negli ultimi giorni da diversi Paesi europei per porre fine collettivamente alla fase di stallo verificatasi nel Mediterraneo che ha coinvolto circa 450 rifugiati e migranti bloccati in mare a causa dell’impossibilità di avviare le operazioni di sbarco.

Da sabato [14 luglio 2018], i governi di Francia, Germania, Italia, Malta, Spagna e Portogallo hanno trovato un accordo per consentire lo sbarco e la presa in carico delle 450 persone coinvolte, anche delle eventuali domande d’asilo che potrebbero essere presentate.

“Speriamo che questi accordi siano ora implementati rapidamente ed efficacemente”, ha affermato l’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Rifugiati Filippo Grandi. “Oltre a porre fine all’odissea di queste persone, le decisioni prese costituiscono un esempio positivo di come, lavorando insieme, i Paesi possano sostenere le operazioni di soccorso in mare e gestire le frontiere, rispettando, allo stesso tempo, gli obblighi internazionali inerenti il diritto d’asilo”. 

“Tuttavia, sono ancora necessarie soluzioni che vadano oltre accordi frammentari o “nave-per-nave”, ha aggiunto Grandi. “Al summit del Consiglio UE di fine giugno i governi europei si sono impegnati ad adottare un approccio più sostenibile, collaborativo, strutturato e gestito con efficacia delle operazioni di soccorso in mare. Finché ciò non avverrà, gli accordi per la gestione degli arrivi dal Mediterraneo continueranno a essere a breve termine e non sostenibili, gli interessi di un approccio comune europeo saranno danneggiati e altre vite saranno a rischio ad ogni nuovo tentativo di traversata”.

Ad oggi, accordi di più ampia portata nell’area del Mediterraneo per la gestione dei soccorsi, delle operazioni di sbarco e le successive procedure non sono in alcun modo adeguate. Le recenti misure adottate per impedire le operazioni di sbarco delle persone soccorse dalle imbarcazioni delle ONG, e altre restrizioni imposte agli interventi delle ONG, sono profondamente preoccupanti e non affrontano né le cause che stanno alla radice dei flussi di rifugiati e di migranti irregolari, né la disperazione che  spinge le persone a fuggire via mare su imbarcazioni pericolose. Ciò significa che le persone continueranno a tentare di attraversare il mare e altre vite saranno perse.

Allo stesso tempo, se da un lato gli Stati hanno l’obbligo di salvare vite e garantire protezione ai rifugiati, dall’altro le persone soccorse non hanno un diritto illimitato a scegliere dove andare. Le operazioni di sbarco devono avvenire in un luogo che garantisca assoluta sicurezza, tenendo in considerazione la possibile presenza di richiedenti protezione internazionale, ma non necessariamente nel luogo di loro preferenza. 

Per informazioni: www.unhcr.it

 

Stampa

Italian Media s.r.l. - via del Babuino 107, Roma, c.a.p. 00187, p.IVA 09099241003, edita il settimanale Italiani con registrazione al Tribunale di Roma n. 158/2013 del 25.06.2013 - email: info@italianmedia.eu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.
Questo sito usa i cookie per migliorare la tua esperienza d'uso e usa cookie di terze parti. Proseguendo nella navigazione si presta implicitamente il consenso all’utilizzo di questi strumenti. Si rimanda alla nostra privacy policy per maggiori informazioni e per la possibilità di negare il consenso.