Ecuador: Città della metà del Mondo (provincia del Pichincha). Foto di Martin Zeise, Berlin CC BY-SA 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=92889

Alla riscoperta del Treno

I dieci itinerari più belli del mondo
di Luisanna Tuti

“Signora perché anche lei non sale sul tetto? Da qui il panorama si gode di più”.The "Green Mile Tunnel" or "Tunnel of Love" near Klevan in oblast de Rivne, Ukraine, is a former industrial railway now disused, surrounded by green arches and favorable for couples romantic walks. By serhei - http://www.panoramio.com/photo/39997602, CC BY 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=18735360
A dirmi questo erano 5 ragazzi milanesi, appena “licenziati” da un liceo classico che, per premio, avevano scelto di venire in campeggio in un villaggio sperduto sulle pendici delle Ande.
Eravamo in Ecuador ed era possibile arrivare qui solo con una cremagliera che procedeva a circa 20km orari, mordendo lentamente i binari con le sue ruote dentate, con un incredibile rumore di “ferraglie”. Mi chiedevo dove fosse questo “village”, mentre sentivo le urla gioiose dei ragazzi provenire dal tetto sul quale era salita anche mia figlia. Il vento, sempre più freddo man mano che si saliva verso la cima, fischiava dai finestrini un po' sconnessi. All'improvviso una fermata in mezzo al niente, scosse i miei pensieri. “Arrivederci signora, noi siamo arrivati”. I ragazzi si stavano avviando verso il bosco che circondava lo spiazzo erboso, dove il treno si era fermato. Intorno non c'era traccia di anima viva.Lo Chott el-Djerid all'alba. Foto di Francesco Piraneo G. - Opera propria, CC BY 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=5568101
La partenza, ovviamente, fu lenta e sofferta, ma alla fine quei giovani diventarono solo dei puntini colorati che si muovevano tra il verde. Era il 1990, ed io molte volte sono tornata con il pensiero a quello stupendo viaggio sulle Ande, in quello scomodo, ma affascinante trenino. Esisterà ancora? Chissà!?! Forse si! Quanto sarebbe bello saltare di nuovo su quel treno e godersi quei meravigliosi paesaggi. Vorrei tanto tornarci, anche perché il treno su di me ha un fascino particolare.
Per fortuna sembra che l'idea di un bel viaggio in ferrovia non sia soltanto mia, poiché, qualcuno, forse stanco dei rapidi spostamenti aerei, ha stilato una lista di dieci itinerari da suggerire a coloro che ancora apprezzano e sognano piacevoli tragitti da effettuare in treno. Deserti, montagne, laghi, fiumi, cascate, dirupi da contemplare senza l'ansia di arrivare, godendo appieno quei panorami che la natura è ben lieta di offrirci.Sudafrica. Rovos Rail, hotel su rotaie. Fonte: http://country.southafrica.net/country/it/it/articles/entry/treni-di-lusso
Ad esempio il “Tunnel dell'Amore”, in Ucraina dove, per raggiungere Klevan, piccolo villaggio vicino alla città di Rivne, bisogna percorrere un tratto su rotaia lungo 3km sotto un intreccio di alberi e vegetazione, nell'atmosfera più romantica del mondo che cambia ogni stagione con il colore delle foglie; il tunisino “Lucertola Rossa”, una locomotiva diesel perfettamente restaurata che, partendo dal capolinea Redeyef (Tunisia centro-ovest) si snoda tra rocce e piccole oasi fino a Chott el Djerid (la più grande salina del Sahara) e le Gole del Salja, stretta e ripida faglia che versa acqua in un letto di sabbia; il Rovos Rail, hotel a 5 stelle su rotaie (due saloni, due carrozze ristoranti, cabine letto con bagni privati) che, partendo da Città del Capo, raggiunge Pretoria e Johannesburg, tra una natura selvaggia e le sue creature: leoni, elefanti, rinoceronti, leopardi; il velocissimo treno proiettile giapponese Skinkansen Bullet Train che collega Kyoto, Osaka, Nagano in pochissimo tempo e sul quale esiste il “vagone del silenzio” dove nessuno può parlare e non annunciano neppure le fermate;Il Treno della Neve da Sulmona, alle porte di Roccaraso.Foto Marco Sebastiani - 08 febbraio 2015. Fonte http://www.ferrovie.it/portale/leggi.php?id=3462l' avventurosa Transiberiana, la linea ferroviaria più lunga del mondo (9mila km) che parte da Mosca fino a Pechino e Vladivostok (sul Mar del Giappone); l'elegante ed esclusivo peruviano Belmond Hiram Bingham che va da Cusco a Machu Picchu, dove musica dal vivo accompagna il viaggio attraverso meravigliosi paesaggi andini; in India si muove il lussuoso Golden Charion, che porta i viaggiatori da Bangalore alle famose Spiagge di Goa (sud-ovest del Paese), con vagoni attrezzati per massaggi e cure Ayurvediche; tre giorni e due notti per esplorare il cuore dell'Australia, da Nord a Sud con il Ghan Train da Adelaide a Darwin, tra verdi colline e paesaggi selvaggi; il California Zephyr unisce Chicago a San Francisco in 52 ore (37 fermate) attraverso le montagne rocciose, il deserto dell'Utah, il Salt Lake City ed il Nevada. L'ultimo posto è riservato ad uno storico trenino a vapore di casa nostra: il Sulmona-Roccaraso che raggiunge i 1.268 metri di altezza, attraversando il Parco della Majella, tra verdi boschi e montagne innevate.
In questo elenco ce n'è per tutti i gusti. Non resta quindi che armarsi di zaino, un po' di tempo, un po' di... denaro e: buon viaggio!

Stampa

Italian Media s.r.l. - via del Babuino 107, Roma, c.a.p. 00187, p.IVA 09099241003, edita il settimanale Italiani con registrazione al Tribunale di Roma n. 158/2013 del 25.06.2013 - email: info@italianmedia.eu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.
Questo sito usa i cookie per migliorare la tua esperienza d'uso e usa cookie di terze parti. Proseguendo nella navigazione si presta implicitamente il consenso all’utilizzo di questi strumenti. Si rimanda alla nostra privacy policy per maggiori informazioni e per la possibilità di negare il consenso.