Nishikagawa Railway (fonte foto Den Electro/Instagram)

Una fermata speciale per fuggire dalla frenesia quotidiana

Alle soglie dell'incredibile
di Luisanna Tuti

Con tutto ciò che la vita ci propone, noi dovremmo essere – come si dice in gergo corrente - “rotti a tutto” ed invece non finiamo mai di stupirci.

Mi riferisco ad una situazione creata  dalle ferrovie giapponesi lungo il fiume Nishiki nella tratta Seiryu – Miharashi Eky.

Ad un certo punto del percorso, il treno si ferma ad una stazione che non ha biglietteria, non ha entrata e nemmeno uscita. Quindi, non esistendo accessi, si può sostare sulla piattaforma soltanto scendendo dal convoglio, essendo, per giunta a ridosso di una montagna, sugli argini del fiume. Per andare via, è necessario attendere il treno successivo. E' un ballatoio con pensilina in mezzo al nulla; un bell'affaccio sul fiume e... niente più.

Allora viene da chiederci: a cosa serve questa fermata? Forse è uno sbaglio.

I nostri amici del sol levante sembra abbiano una risposta, apparentemente, logica: relax.

Loro sostengono che, per fuggire dalla frenesia quotidiana, altamente nociva alla nostra psiche ed al nostro fisico, abbiamo necessità di momenti rilassanti. Allora, quale migliore medicina può giovarci se non quella di non dover andare in nessun posto?

Le autorità nipponiche, che da poco hanno inaugurato questa fermata, affermano che  è stata creata per permettere alla gente di  riflettere, ammirando il fiume che scorre verso l'infinito,  dedicando un po' di tempo a se stessi.

Sembra infatti  che in Giappone ogni anno si contano decine di morti  (Karoshi) da stress per lavoro.

Viene da chiedermi se noi romani, salendo su uno degli autobus sopravvissuti agli incendi, percorrendo il tragitto lungo il biondo Tevere e, sostando su di una dissestata banchina ai margini del fiume, guardando quegli enormi “toponi” che sguazzano nelle acque putride, avremmo lo stesso effetto rilassante!?!

Stampa

Italian Media s.r.l. - via del Babuino 107, Roma, c.a.p. 00187, p.IVA 09099241003, edita il settimanale Italiani con registrazione al Tribunale di Roma n. 158/2013 del 25.06.2013 - email: info@italianmedia.eu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.
Questo sito usa i cookie per migliorare la tua esperienza d'uso e usa cookie di terze parti. Proseguendo nella navigazione si presta implicitamente il consenso all’utilizzo di questi strumenti. Si rimanda alla nostra privacy policy per maggiori informazioni e per la possibilità di negare il consenso.