Conferenza stampa Camera Deputati Azzeramento CO2. Foto Massimo Predieri

Symposium sul clima alla Camera

Azzeramento CO2: l’impegno dei parlamentari
di Aldo Torchiaro

Mercoledì 17 giugno, in occasione della Giornata Mondiale per la lotta alla siccità e alla desertificazione, si è tenuta presso la Sala Stampa della Camera dei Deputati la presentazione pubblica degli esiti dell’“International Symposium on Climate Change – Rome 2015”, l’evento promosso dalla Fondazione Italiani e dal New Policy Forum che ha riunito a Roma 23 esperti di cambiamenti climatici di fama internazionale.
Il Presidente del Senato, Pietro Grasso, ha rivolto al Symposium una lettera di incoraggiamento e sostegno che è stata letta all'inizio della conferenza stampa.
Angelo Schiano, presidente della Fondazione Italiani, ha sintetizzato l’appello che il Symposium rivolge al mondo, chiedendo l’azzeramento della produzione di Co2 nell’immediato futuro. “Siamo oggi qui alla Camera per dire che la politica deve dare risposte concrete ed urgenti ad una emergenza che rischia di devastare il mondo come lo abbiamo ereditato dai nostri padri”, ha tra l’altro dichiarato Schiano.
Serena Pellegrino, capogruppo di Sel in Commissione Ambiente alla Camera, ha coordinato i lavori e dichiarato: “Ho preso l’impegno di rappresentare l’appello del Symposium alla Camera e di promuovere tutte le iniziative possibili affinché abbia la massima risonanza in vista dell’imminente conferenza internazionale di Parigi sul cambiamento climatico".
Giulietto Chiesa – che rappresenta il New Policy Forum in Italia – è intervenuto per sottolineare come tutti gli equilibri geopolitici del pianeta, dalla sottoalimentazione ai grandi attacchi virali, dalle guerre tribali alle migrazioni, sono dettate in larga parte dalla bomba climatica che è esplosa a danno dei più poveri e degli emarginati dallo sviluppo, che risentono di siccità e carestie in modo particolare.
Grazia Francescato, già leader dei Verdi e oggi nell’Aspen Institute Italia ha adottato alcune delle parole emerse dalle anticipazioni dell’enciclica “Laudato sii”, dichiarando come queste siano il miglior viatico che la politica potesse ricevere.
Al dibattito hanno preso parte Samuele Segoni di Alternativa Libera (ex M5S), Stella Bianchi (Pd) e Chiara Braga (segreteria nazionale PD, responsabile Ambiente), Paola De Pin, senatrice dei Verdi (gruppo misto), Rocco Palese (Forza Italia, area Fitto), Mirko Busto (M5S).
Il Symposium si è dato appuntamento al marzo del 2016, ma intanto impegna i tanti parlamentari presenti a dare seguito agli intendimenti assunti. Una petizione per impegnare il Governo sulla riduzione del Co2 viene lanciata in rete su Change.org


Testo della lettera inviata da Pietro Grasso al Symposium on Climate Change
(indirizzata a Angelo Schiano, Fondazione Italiani)

Il Signor Presidente del Senato desidera esprimere il suo apprezzamento per questa iniziativa che vede riuniti, per un costruttivo confronto dialettico, esponenti del mondo accademico, scientifico e culturale, su un tema di grande attualità, i cambiamenti climatici, al fine di sensibilizzare la coscienza e la consapevolezza di tutti sul processo di questo mutamento, con conseguente degradazione ambientale difficilmente arrestabile, riconducibile non più a cambiamenti naturali, ma dovuti all'azione dell'uomo.
La tutela dell'ecosistema si può perseguire solo su scala planetaria e non basta l'azione di un singolo Paese.
Nell'augurare all'iniziativa la migliore riuscita, il Signor Presidente invia a Lei e a tutti i partecipanti convenuti i suoi più cordiali saluti.

(Il coordinatore della segreteria del Presidente Grasso)

Stampa

Italian Media s.r.l. - via del Babuino 107, Roma, c.a.p. 00187, p.IVA 09099241003, edita il settimanale Italiani con registrazione al Tribunale di Roma n. 158/2013 del 25.06.2013 - email: info@italianmedia.eu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.
Questo sito usa i cookie per migliorare la tua esperienza d'uso e usa cookie di terze parti. Proseguendo nella navigazione si presta implicitamente il consenso all’utilizzo di questi strumenti. Si rimanda alla nostra privacy policy per maggiori informazioni e per la possibilità di negare il consenso.