Un World Social Forum (WSF) per l’azione

 -  - 


Il mondo va visto con gli occhi del presente e del futuro post-pandemico

Due decenni fa, la mobilitazione di lavoratori, contadini, studenti richiedeva la necessità di un altro mondo possibile, in pieno contrasto con il neoliberismo e la finanziarizzazione dell’economia. C’era speranza, entusiasmo, mobilitazione.

Stavamo (ri)scoprendo noi stessi, guardandoci con i nostri stessi occhi.

Emersero anche governi progressisti, preoccupati per la grande maggioranza dei loro paesi, per la pace, il multilateralismo, che – vale la pena riconoscerlo – incoraggiarono la creazione e le quasi cento riunioni di massa che seguirono il FSM (Forum Sociale Mondiale), da Porto Alegre al mondo.

Un altro mondo è ancora possibile? il sociologo brasiliano Emir Sader ci chiede[1]. La verità è che questo di oggi è già un altro mondo. Non quello che volevamo, non quello per il quale abbiamo lottato, ma sicuramente molto, molto diverso da quello di inizio millennio. Quel mondo non esiste più. Ma nemmeno gli immaginari unitari di quel mondo che desideravamo esistessero.

Il mondo visto dagli europei, che continuano a cercare di colonizzare culturalmente e politicamente i paesi emergenti, non è lo stesso di un americano indigeno o disoccupato o di un abitante dell’Africa subsahariana.

In assenza del FSM (Fondo Sociale Mondiale), purtroppo le lotte globali sono state sconfitte dalle ONG europee e americane, che sono quelle che hanno segnato (e finanziato) l’agenda contestataria in questi anni, con rivendicazioni molto distanti da quelle dei movimenti sociali (sindacati, contadini, studenti) latinoamericani, ad esempio.

Anche il Papa sa che le trasformazioni sono necessarie perché la vita sia praticabile. Per il Vaticano, la disuguaglianza è il frutto di una crescita economica ingiusta che ignora i valori fondamentali. È un virus che proviene da un’economia malata.

Il Vaticano ha tradizionalmente sostenuto il sistema capitalista, e se il Papa riconosce che non è più possibile continuare a vivere così, è perché il sistema, chiaramente, sta distruggendo le possibilità future dell’umanità.

Oggi viviamo in un mondo molto peggiore di quello di due decenni fa, nel quale l’1% della popolazione mondiale monopolizza la stessa quantità di risorse e ricchezza del restante 99%.

Un mondo che è diventato molto più disuguale, xenofobo, razzista. E questo minaccia di ospitare disoccupazione e carestia senza precedenti nel prossimo futuro post-pandemico.

“La finanza, scollegata dall’economia reale, supera ogni giorno nelle sue transazioni speculative 40 volte quello che il lavoro umano produce nel mondo in beni e servizi. Populismo, nazionalismo e xenofobia governano il 71% dell’umanità”, afferma un nuovo documento elaborato dai nuovi “rinnovati” del Consiglio internazionale del FSM.

C’è una debolezza del liberalismo classico, sostenuto soprattutto dalle ONG europee, che il FSM ha denunciato sin dalla sua nascita: l’antinomia società civile-Stato. Con la squalifica dello Stato come autoritario, inefficiente, storicamente superato, in tempi in cui molti paesi latinoamericani erano nelle mani di governi progressisti, che combattevano contro il neoliberismo e alla ricerca di una democrazia partecipativa.

Parte della leadership del WSF (o FSM che sia) pensava di competere con i governi e credeva persino che le politiche sociali potessero essere attuate senza lo Stato, ma in realtà quello che stavano facendo era emarginare se stessi (ed emarginare molte persone di valore) dai processi che i nostri paesi stavano attraversando.

 Siamo d’accordo con la nuova proposta del gruppo CI Renovador: non basta più discutere con il nemico, il capitalismo senza regole né controlli. Inoltre, se l’obiettivo è unire le forze, mobilitare, denunciare e chiedere cambiamenti alle istituzioni nazionali e internazionali, non basta dibattere, ma piuttosto agire.

Senza uscire dal dibattito, dobbiamo agire. Ovviamente, il nemico ha beneficiato e continua a beneficiare della nostra inerzia e della nostra inutile verbosità.

C’è chi non crede sia necessario discutere di quanto accaduto negli ultimi 20 anni. Siamo d’accordo sul fatto che i partiti politici – diciamo progressisti – manchino della capacità di elaborazioni a lungo termine e vivano per una politica di soluzioni amministrative a breve termine, in cui la corruzione e la manipolazione dei cittadini sono, in molti casi, pratiche quotidiane.

Ma nulla di “un altro mondo possibile, necessario, essenziale” sarà possibile se non vediamo il mondo con gli occhi di oggi, non di due decenni fa, se non assumiamo e analizziamo i problemi dal punto di vista di un nuovo, distante pensiero critico dei vecchi e ripetuti dogmi, di fronte all’intelligenza artificiale, agli algoritmi, ai big data, alla società della sorveglianza.

Ma soprattutto se non partiamo dal presupposto che dobbiamo pensare a un altro mondo, quello post-pandemico, dove centinaia di milioni di persone rimarranno senza lavoro e, quindi, sull’orlo della povertà e della fame. Il problema principale dell’umanità sarà la democratizzazione della fame e la garanzia di cibo per tutti.

Il FSM, nato con una grande forza unificante, è assente da anni dai processi di mobilitazione nel mondo. Le lotte contro il razzismo, contro la crisi climatica e per l’uguaglianza di genere erano e vengono portate avanti senza la partecipazione del FSM. L’azione della società civile deve essere intesa come azione politica, perché il suo obiettivo è trasformare lo status quo immorale.

La verità è che non saremmo arrivati alla Conferenza sul clima di Parigi, né alle leggi per la dignità delle donne, né al dibattito nei governi sul razzismo, senza la società civile. E il WSF non c’era. C’è qualcosa da capire: questo mondo è molto diverso da quello del 1981, quando fu fondato il FSM. E quelli che l’hanno fondata oggi hanno 40 anni in più.

Per cambiare la realtà non servono solo dialoghi, ma, fondamentalmente, azioni concrete. E se il WSF (FSM) non è disposto a farlo, andrà disperso. Se la società civile non può prendere posizione sulle grandi questioni e far sentire la sua voce, se non diventa un attore olistico e trasversale, rappresentativo e partecipativo, 20 anni di sforzi di migliaia e migliaia di persone per un mondo migliore saranno gettati nel vuoto. Meglio, come fertilizzante il gruppo Renovador del WSF.

È tempo che la sinistra e il progressismo facciano autocritica, come sta facendo il Consiglio internazionale (IC) del Forum, per rendersi conto del perché il movimento è diventato “endoganmizzato” ed emarginato. Oggi, i solo nostalgici dei tempi migliori, ricordano il WSF: 20 anni e molta acqua (e napalm e glifosato) è passata nel mondo.

È vero, in questo mondo distopico, il WSF ha perso molti dei suoi partecipanti, e alcune grandi organizzazioni ritengono di non aver bisogno del Forum per trovare la strada da seguire, soprattutto quando le basi delle organizzazioni stesse sono quelle che richiedono un’azione.

La pandemia, purtroppo, ha dimostrato che attraverso forum virtuali è possibile dibattere, scambiare idee e proposte, condividere esperienze quotidianamente, senza nemmeno bisogno di un contatto fisico. Ma nonostante tutto: un’azione concertata non sarà mai raggiunta.

Ma la cosa peggiore è che i membri del Consiglio Internazionale credono che la Carta dei Principi del Forum, il suo documento di governo, sia qualcosa di simile alla Bibbia o al Corano. Ed è quello che è successo all’incontro dell’IC a Montreal, quando una persona, rifugiandosi religiosamente nella Carta, ha bloccato un ripudio collettivo del colpo di stato che stava avvenendo in Brasile, il Paese dove per l’appunto è sorto il Forum.

Se si è cercato di evitare divisioni costringendo le risoluzioni all’unanimità, è bastata una sola persona – sui 150 dell’IC – per dimenticare che uno dei fondamenti del Forum è difendere la democrazia. Da lì si capisce perché circa 40 dei 150 membri attivi della CI, movimenti sociali e grandi organizzazioni, sono usciti dal forum. Quanto sarebbe stato facile cambiare l’unanimità richiesta in un quorum molto alto! (Ovviamente, se lo si fosse voluto).

Ci sono davvero grandi questioni in cui la cosiddetta società civile, il progressismo e la sinistra non sono d’accordo? Citiamo, il cambiamento climatico, il patriarcato, il rifiuto dei nazionalismi, il razzismo e la xenofobia, la difesa dei migranti, le spese militari, la difesa dei diritti umani … e, guardando avanti, la necessità di un vaccino universale e libero contro covid-19.

Ecco perché è interessante la proposta del gruppo Renovador sulla democratizzazione del Consiglio internazionale che include un dibattito sulla sua governance e che aggiunge l’incorporazione di giovani militanti – operai, contadini, studenti universitari, scienziati – dal campo popolare, il ritorno dei movimenti sociali – soprattutto se sono stati aggiornati insieme per portare avanti un programma di azione a livello regionale e globale.

Solo se il Forum si assume la responsabilità di divenire attore, e di avere un’identità nel coordinamento di azioni concrete, sarà possibile salvarlo e inserirlo nelle lotte contemporanee contro il neoliberismo, per la costruzione di quel mondo possibile … e molto diverso che vogliamo.

* Giornalista uruguaiano e scienziato della comunicazione. Master in integrazione. Fondatore di TELESUR. Presiede la “Foundation for Latin American Integration” (FILA) e dirige il “Centro latinoamericano per l’analisi strategica” (CLAE), www.estrategia.la, e SUSRYSURTV.


[1]  https://wsimag.com/es/economia-y-politica/63580-es-posible-otro-mundo-todavia

2 recommended
bookmark icon
Aspetta un attimo...

Sottoscrivi la nostra newsletter

Vuoi essere avvisato quando pubblichiamo nuovi articoli? Inserisci il tuo nome e il tuo indirizzo e-mail.