Il signore di Mogadiscio

 -  - 


Zakaria Mohamed Ali, costretto a lasciare Mogadiscio dopo l’omicidio del suo maestro di giornalismo e di altri colleghi, arriva in italia nel 2008. Il suo approdo a Lampedusa è raccontato nel suo primo documentario To whom it may concern del 2012.

film di Zakaria Mohamed Ali

Oltre la sua attività di mediatore culturale, è vicepresidente dell’Archivio Memorie Migranti, un’ associazione che si occupa di raccogliere testimonianze del fenomeno migratorio attraverso lo sguardo di chi arriva, e di organizzare laboratori nelle scuole sui temi dell’ accoglienza e del razzismo.
Il suo ultimo documentario è Il signore di Mogadiscio.
Dopo il drammatico naufragio del 3 ottobre 2013, in cui hanno perso la vita 368 migranti dal Corno d’Africa, Zakaria Mohamed Ali torna a Lampedusa per ascoltare i racconti di alcuni superstiti incredibilmente trattenuti nel CIE (Centro di identificazione ed espulsione) dell’isola a distanza di quasi due mesi dalla tragedia. In “To whom it may concern” (2013) il giornalista somalo ha voluto ricordare il suo arrivo nel 2008 e l’umiliante condizione di chi veniva trattenuto nel CIE di Lampedusa dopo lo sbarco. Ne “Il signore di Mogadiscio” (2018) il regista presenta un ulteriore lavoro di scavo nella memoria del 3 ottobre in un atto di resistenza civile e culturale che, attraverso testimonianze e interviste, denuncia le difficoltà e le violenze cui sono sottoposti i migranti prima dell’arrivo, e si interroga su un sistema che si rivela di discriminazione più che di accoglienza.

Si ringrazia Federico Triulzi.

13 recommended
bookmark icon
Aspetta un attimo...

Sottoscrivi la nostra newsletter

Vuoi essere avvisato quando pubblichiamo nuovi articoli? Inserisci il tuo nome e il tuo indirizzo e-mail.