Roma: la Grande Bellezza come set cinematografico

 -  - 


Roma incarna alla perfezione la storia del cinema italiano, riconosciuta come città del Cinema per antonomasia.

È’ la Città Eterna. Straordinaria, unica e inconfondibile.

Ha visto nascere il cinema, dal neorealismo alla commedia all’italiana, dal western ai cinepanettoni, dai set internazionali ai film in costume girati a Cinecittà.

Roma come set cinematografico, di un numero indefinito di pellicole, ha contribuito ad aumentare la sua stessa fama.

Ospita ogni anno due delle più importanti manifestazioni inerenti il cinema a livello nazionale: Il David di Donatello dal 1956 e il Festival del Cinema dal 2006.

L’abbiamo vista come simbolo stesso di molti film fin dai suoi esordi. Offrendosi al cinema come set naturale, catturando lo spettatore. Da Fontana di Trevi, con “La dolce vita” di Federico Fellini nel 1960, al Colosseo nel film di Alberto Sordi “Un Americano a Roma”, ai monumenti più storici e solenni come Piazza di Spagna, il Pantheon, Castel Sant’Angelo, il Teatro Marcello, i Fori Imperiali e la Bocca della Verità con il giro in Vespa di Audrey Hepburn e Gregory Peck in “Vacanze Romane”. Roma è il set per eccellenza. La sua importanza è riconosciuta dai principali registi internazionali e i più grandi personaggi del Cinema Italiano.

Tom Hanks nel thriller “Angeli e Demoni”, Woody Allen nel 2012 con il film a episodi “To Rome With Love”, Julia Roberts nel film “Mangia, prega, ama” diretto da Ryan Murphy. Nanni Moretti gira “Caro Diario” mostrandoci la Roma estiva e semideserta, Paolo Sorrentino con “La Grande Bellezza” nel 2013 vince l’Oscar per il miglior film.

Accadde Oggi

È la ricorrenza dell’inaugurazione degli Studi di Cinecittà, era il 28 Aprile del 1937.

Gli Studi di Cinecittà di Roma sono un complesso di studi cinematografici, 500.000 mq di terreno con 73 edifici, tra cui 21 teatri di posa. I più grandi d’Europa e al secondo posto nel mondo dopo quelli di Hollywood.

Gli Studi all’interno ospitano l’Istituto Luce, ovvero la memoria storica del primo cinema italiano e il Centro Sperimentale di Cinematografia.

Negli studi sono stati girati circa 3.000 film, 47 dei quali hanno vinto il premio Oscar per la pellicola. Dai più grandi registi e attori degli anni ’50 come Federico Fellini, Ettore Scola, Sergio Leone, Luchino Visconti, Anna Magnani, Vittorio De Sica, Sophia Loren ai più celebri dei giorni nostri.

I grandi registi internazionali, affascinati dal passato glorioso e illustre degli studios di Cinecittà li hanno scelti come location per i loro film colossal. Vedi film come “Ben-Hur” del 1959 di William Wyler, “Il Gladiatore” di Ridley Scott, Martin Scorsese con il film “Gangs of New York” e Ben Stiller con “Zoolander” del 2006.

Si può dire che, l’unione tra Roma come set insito e l’imponenza di Cinecittà, hanno un effetto esplosivo sulla produzione cinematografica mondiale. Tanto è vero che Roma è stata scelta per essere la prima città italiana ad ospitare il colosso statunitense dello streaming Netflix.

Reed Hastings, fondatore nel 1997 di Netflix, ha scelto Roma come nuova sede europea. La sua scelta è ricaduta sulla capitale e non su altre città per l’importanza che esse riveste nella cinematografia.

La sede di Roma ha l’obiettivo di rafforzare le loro molteplici partnership creative e di lavorare su una crescente offerta di film e serie Made in Italy, finalizzato a raddoppiare il numero di serie originali italiane entro il 2022.

Roma sul grande schermo

È’ nata per il cinema e al cinema ha dato tanto.

3 recommended
bookmark icon
Aspetta un attimo...

Sottoscrivi la nostra newsletter

Vuoi essere avvisato quando pubblichiamo nuovi articoli? Inserisci il tuo nome e il tuo indirizzo e-mail.