Cultura

Al di là del bene e del male

• Bookmarks: 13


La Fondazione Italiani è da tempo fortemente impegnata nella difesa diritti civili e più in generale in quelli dell’Uomo.

La sensibilità in ordine a tali diritti ha subìto negli ultimi trenta anni un profondo cambiamento che viene percepito da più parti come una minaccia.

Una minaccia perpetrata nei vari ambiti su cui fondava il mondo materico (la sicurezza, il mercato, la finanza, l’istruzione, la salute, …) corredata da una seduttiva e diffusa opera di convincimento attraverso informazioni a pioggia che viaggiano in una diversa dimensione, con nuovi strumenti. Una minaccia, divenuta in gran parte realtà, dalla quale è difficile difendersi.

Eppure, sappiamo che la prima ineludibile forma difesa è la conoscenza.

A tale difesa ha contribuito di recente un autore da sempre impegnato nella controinformazione, Glauco Benigni, il quale ha appena pubblicato per i tipi di Edizioni HARPO, Roma, un libro chiave “TSUNAMI INTERNET”, sottotitolo: Al di là dell’etica e della genetica

Un libro indispensabile per la corretta comprensione di quanto accaduto e sta accadendo; e di ciò che ci aspetta.

La Fondazione Italiani ha convenuto con Glauco Benigni (per sua gentile concessione) di pubblicare a puntate “TSUNAMI INTERNET” su ITALIANI.net (un capitolo ogni numero secondo l’indice in nota[i]).

Orbene che INTERNET sia stato uno TSUNAMI non è un mistero.

Tant’è che da quando ha preso piede internet[ii] ciascuno di noi vive contemporaneamente in due realtà; due mondi tra loro interdipendenti, ma indipendenti; uno materico e un altro immateriale; e ahinoi non virtuale, giacché è vero e reale; e in molti campi addirittura prevalente.

Un mondo “altro” in grado di condizionare, almeno fino a quando non verrà disciplinato – se mai lo sarà -, il mondo materiale.

Una realtà che di fatto già condiziona pesantemente le nostre vite.

Muovendo da tali premesse Glauco Benigni nel suo nuovo libro si pone domande fondamentali utili a far comprendere la nuova dimensione nella quale ci muoviamo: cosa è Internet, chi lo controlla, quale è stato il suo effetto sulle nostre vite, e molto altro.

L’autore, infatti, pone in risalto la diversità dimensionale esistente tra il mondo materico newtoniano, nel quale da sempre ci muoviamo, e il mondo di internet, nel quale oggi, volenti o nolenti, navighiamo quotidianamente; un mondo dai connotati che non sono materici ma numerici.

Uno spazio infinito composto da sequenze di zero e uno che ci portano in una dimensione vera e reale che ci coinvolge e travolge, ma al contempo ci sfugge.


[i]TSUNAMI INTERNET Al di là dell’etica e della genetica
I N D I C E dei capitoli pubblicati su Italiani.net
Convivere con l’Apocalisse + Carlo Marx e il microchip
– INTERNET, UN’ALTRA DIMENSIONE – L’indeterminazione del flusso zero-uno + Tutto è duale, tutto è polare + Un po’ confusi? … è il Digitale bellezza
– Collassi mentali + Il fascino discreto dell’assurdo + Dall’assurdo all’indeterminazione
– Le domande giuste + Una teoria quantistica dell’informazione in Rete ? + Il principio di indeterminazione in rete + La misurazione simultanea + – Battutacce fra scienziati ricchi e famosi
– COSI’ LA VERITA’ SCONFINA NEL FALSO-Fatti e narrazioni
– La distribuzione e la diffusione dei contenuti + Gli scopi e le Rivendicazioni
– BIG DATA E DINTORNI – – Il mondo in mano ai matematici + – I corpi digitali eterni
– I lavoratori volontari dei Social network
– La Internet generation al setaccio
10° – L’ERA DEI MERCANTI DIGITALI- Perché i social network si credono
11° – Lo spettro dei 3 Big
12° – Chi fa il prezzo governa + Il territorio digitale
13° – Il feudalesimo tecno-finanziario
14°– Gli Alchimisti – I°
15°– Gli Alchimisti – II°
16° – Gli Alchimisti – III°
[ii] Il fisico inglese Tim Berners-Lee tra il 1989 e il 1991 riuscì a perfezionare e valorizzare il progetto sperimentale che venti anni prima il Dipartimento della Difesa americano aveva tentato di realizzare per consentire a tutti i loro computer di comunicare tra loro, l’APARNET (Advanced Research Projects Agency Network). Berners-lee, per consentire a tutti gli scienziati del CERN di scambiarsi informazioni, nel diede alla luce il World Wide Web, oggi da tutti utilizzato con il suo acronimo WWW.
E nel 1991 pubblicò il primo sito internet al mondo: http://info.cern.ch/hypertext/WWW/TheProject.html ancora attivo.
Da quel momento, la rivoluzione, o come dice Glauco Benigni uno TSUNAMI.  

Leggi anche Tsunami Internet. Primo capitolo

13 recommended
bookmark icon