In breve

Recensione Parole, paroline, parolone e parolacce

• Bookmarks: 8


Parole, paroline, parolone e parolacce. Dall’antichità al Covid. Da cretino a transgender curiosità e aneddoti intorno a 200 vocaboli della lingua italiana 
Michele Serafini
Linguistica
Mursia Milano
2023
Pag. 172 euro 17

Un bel viaggio fra parole “italiane” contemporanee. Poche ciance, facciamo chiari esempi. Michele Serafini (Pesaro, 1970), linguista di formazione e manager editoriale, nei 30 capitoli dell’agile manuale “Parole, paroline, parolone e parolacce” ci aiuta ad affrontare numerosi beffardi interrogativi su parole e modi di dire di uso (diventato) comune. Inizia con “si fa presto a dire cretino…”, ovvero con aneddoti, storie, curiosità, leggende e consigli su alcune parole “brutte”: imbecille, scemo, stupido, cazzata, figata, figlio di mignotta. Poi il buon vento, la questione di stelle, dare i numeri, punteggiature, traduzioni. Scopriamo così molti significati e origini che si celano dietro i termini che usiamo, che è preferibile sapere (prima dell’utilizzo, possibilmente) e non dimenticare. Prima dei ringraziamenti, finisce con alcune delle filastrocche utilmente imparate da piccoli (forse dal tedesco, viel strecken, tirarla per le lunghe) e i noti brividi fantasia e paura, orrore e amore.

v.c.

8 recommended
bookmark icon