recensioni libri

Recensione Il figlio peggiore

• Bookmarks: 3


Il figlio peggiore

Peter D’Angelo e Fabio Valle

Romanzo storico

Fandango Roma

2024

Pag. 347 euro 19

Roma. Gennaio 1970. Dentro una stanza del Ministero della Difesa il Generale, l’Onorevole, il Cavaliere e un uomo di carnagione chiara e occhi azzurri con divisa dell’esercito americano pianificano nuove operazioni, si potrebbe infiltrare droga fra i sovversivi. Durante una manifestazione l’anarcoide dongiovanni giornalista trentenne Carlo Nisticò viene circondato da cinque “katanga” e viene in qualche modo soccorso dal giovane milanese Luca, iniziano a frequentarsi. Nel romanzo “Il figlio peggiore” due scrittori d’inchiesta, il documentarista Fabio Valle e il giornalista Peter D’Angelo prendono spunto da fondamentali materiali storici, in particolare alcuni documenti del ROS e la testimonianza di un ex agente del SID, relativi alla vera vicenda dell’operazione Blue Moon, nome in codice della capillare opera di somministrazione di stupefacenti in ambienti legati a movimenti d’opposizione, parte di un più ampio piano di guerra “non convenzionale”. Stile incalzante, indignata angoscia.

v.c.

3 recommended
bookmark icon