Informazione e disinformazione, tra verità, manipolazioni e notizie

 -  - 


Nei giorni scorsi ho ricevuto per e-mail uno studio di Swiss Propaganda Research su cosa si nasconde dietro le notizie delle agenzie stampa; il documento ha riproposto alla mia attenzione il problema dell’onestà dei media e prima ancora delle loro fonti di informazione.
La disinformazione è una realtà con cui tutti conviviamo.
I poteri forti e le istituzioni ne fanno uso ed abuso, asserendo che non possono prescinderne. Attraverso il controllo o la deformazione delle informazioni esse ottengono la manipolazione delle coscienze, che consente loro di nascondere o trasfigurare verità scomode, garantendosi il consenso popolare. Senza le agenzie stampa, e ahimè i giornali, il loro lavoro sarebbe senza dubbio più difficile, se non impossibile.
Solo chi sa leggere tra le righe e non si lascia condizionare riesce a difendersi; con il rischio però di cadere, come spesso accade, nella dietrologia; che è addirittura peggio.
L’analisi di Swiss Propaganda Research si concentra in particolare sulle agenzie stampa internazionali, specie di quelle che si occupano di geopolitica, ma riguarda in generale, inevitabilmente, anche quelle nazionali e l’intero mondo dell’informazione.
L’argomento, anche se la notizia suona un po’ la scoperta dell’acqua calda, è un problema che riguarda l’intera società civile ed è una spina che tutti ci portiamo nel fianco.
Ritengo giusto riportare il loro studio qui di seguito pressoché testualmente (scusandomi per gli eventuali errori commessi nella traduzione).
Il tema è noto e dibattuto da sempre e fonda su un punto debole, il tallone di Achille, del mondo dell’informazione.
Alla sua origine un dato di fatto ineludibile: i giornali, le notizie e le fonti d’informazione (alias le agenzie) costano; il loro prezzo è talmente elevato che non può essere ripagato dai lettori.
Vittime che per altro verso hanno pure loro le proprie responsabilità; ma questo è un altro discorso che spero di poter fare in futuro.
Il mondo dell’informazione si è poi particolarmente complicato da quando le notizie, prima ancora che i giornali e le note delle agenzie stampa, viaggiano on line.
Una realtà alla quale anche ITALIANI, una volta distribuita in formato cartaceo nelle principali edicole del mondo, ha dovuto adeguarsi divenendo l’attuale Italiani.net.
Il discorso è valido per tutti, grandi e piccoli, e non conosce eccezioni.
La conseguenza è che non v’è testata che possa esimersi dall’avere un sostegno, pubblico o privato, di uno o più individui che si fanno carico del suo costo; né che possa fare a meno di contenere al massimo le spese (ne sanno qualcosa i giornalisti e in particolare i freelance); e, ahinoi, dal ricercare ogni tipo di aiuto economico, diretto o indiretto.
È evidente che ciascun finanziatore, pubblico o privato che sia, è mosso da un proprio interesse e si attende un ritorno.
Questo, nel migliore dei casi è politico; e la politica è inevitabilmente condizionata da interessi di parte.
A scanso di equivoci, Italiani.net appartiene a una fondazione che porta il suo nome, la Fondazione Italiani – Organismo di Ricerca; questa è ispirata ai valori di “Giustizia e Libertà”, ovvero al libero, purché rispettoso, pensiero. In poche parole non ha “padroni” e non gode di alcun contributo pubblico. Ha fatto di necessità virtù, e, stante la sua abituale mancanza di fondi, si regge esclusivamente con il contributo dei suoi giornalisti, ripagati
solo con una merce rara per il mondo dell’informazione: libertà di parola e di pensiero, purché onesti.
Lo dimostra l’articolo edito in questo stesso numero a firma di Glauco Benigni che in nome della libertà di stampa e di espressione prende posizione contro FaceBook Irland in difesa di Casa Pound, pur non condividendo assolutamente la politica di quest’ultima.
Tornando a noi, dicevamo, che l’equilibrio finanziario di un giornale non sarà mai coperto dal suo prezzo di vendita al pubblico.
Partendo da tale assunto nessun giornale, pur consapevole di quanto può nascondersi dietro la diffusione di una notizia, così come dietro un articolo, potrà mai prescindere dal contributo offerto dalle agenzie.
I social, la diffusione virale delle notizie e la loro gratuità (che sono seguiti alla crisi già in atto delle testate, su carta stampata e non), oltre all’enorme costo che comporta l’acquisizione diretta delle informazioni, sono tutti fattori che rendono impossibile che i giornali possano fare a meno delle agenzie.
A chi vuole tenersi informato non rimane che imparare a leggere e se del caso risalire alla qualità delle fonti; il discorso è valido anche per i giornalisti che devono saper leggere le notizie di agenzia. Ogni notizia va letta “tra le righe”, se non addirittura interpretata; ovvero, “cum grano salis”; tenendo sempre presente da chi proviene e quali interessi
questi rappresenta o difende.
Ma forse è sempre stato così.
Veniamo allora al documento denuncia di cui sopra, lo studio di Swiss Propaganda Research, tradotto in francese da Vincent Lenormant, e da noi riproposto in italiano:

Il moltiplicatore della propaganda
ovvero, come le agenzie di stampa globali e i media occidentali parlano di geopolitica.
Devi sempre farti la domanda: perché ottengo questa specifica informazione, in questo specifico modo, in questo preciso momento? Alla fin fine, queste sono sempre una forma di esercizio del potere.
Konrad Hummler, banchiere e capo della stampa svizzera
[…] Introduzione: “qualcosa di strano”
Come fanno i giornali a sapere quello che sanno?
La risposta a questa domanda potrebbe sorprendere i loro lettori: “La fonte principale sono le agenzie di stampa. In un certo senso, queste agenzie, che operano in modo quasi anonimo, sono fondamentali per gli eventi mondiali. E allora quali sono i loro nomi, come funzionano e chi le finanzia? Per valutare la qualità delle informazioni, sia in Oriente che in Occidente, è necessario dare una risposta a queste domande. “(Höhne 1977, p. 11) Come ha osservato un ricercatore svizzero sui media, “Le agenzie di stampa sono il principale fornitore di mass media. Nessun punto vendita quotidiano può farne a meno. Le agenzie quindi influenzano la nostra immagine del mondo; quello che sappiamo è ciò che hanno selezionato.” (Blum 1995, p. 9)
Data la loro importanza, è sorprendente che queste agenzie siano a malapena conosciute dal pubblico: “La maggior parte delle persone non è a conoscenza della loro esistenza … anche se svolgono un ruolo guida nel mercato dell’informazione. Ma nonostante ciò, non abbiamo mai prestato troppa attenzione a loro.” (Schulten-Jaspers 2013, p. 13)
Persino il capo di un’agenzia di stampa ha ammesso: “C’è qualcosa di strano nelle agenzie di stampa. Sono poco conosciute dal pubblico. A differenza dei giornali, i loro affari non sono al centro dell’attenzione, eppure sono la fonte di ogni articolo.” (Segbers 2007, p. 9)
Il centro nevralgico del sistema multimediale
Quali sono i nomi di queste agenzie che sono “la fonte di ogni articolo“?
Ce ne sono solo tre:

  1. Associated Press (Stati Uniti), 4000 dipendenti in tutto il mondo. L’AP è di proprietà dei media statunitensi e ha sede a New York. AP News viene utilizzato da 12.000 agenzie di stampa internazionali, così raggiungendo ogni giorno oltre la metà della popolazione mondiale.
  2. Agence France Presse (Francia), quasi governativa, con sede a Parigi, 4000 dipendenti. AFP invia oltre 3000 spedizioni e foto ogni giorno ai media di tutto il mondo.
  3. Reuters (Gran Bretagna), una società privata, 3000 dipendenti. Reuters è stata acquisita nel 2008 dal boss dei media canadese Thomson, una delle 25 persone più ricche del mondo, ed è divenuta la Thomson Reuters, con sede a New York.

Diversi paesi hanno anche proprie agenzie di stampa, come la DPA tedesca, l’APA austriaca e la SDA svizzera. Ma per le notizie internazionali le agenzie nazionali di solito si attengono a queste tre agenzie globali: copiano e traducono i loro articoli.
Le tre agenzie di stampa globali Reuters, AFP e AP e le tre agenzie nazionali dei paesi di lingua tedesca di Austria (APA), Germania (DPA) e Svizzera (SDA).
Wolfgang Vyslozil, ex direttore dell’APA, ha descritto il loro ruolo in questi termini: “Le agenzie di stampa sono raramente visibili al pubblico. Sono i media più influenti e meno conosciuti. Sono istituzioni chiave di fondamentale importanza per tutti i media. Questi sono i centri nervosi che collegano tutte le parti del sistema.” (Segbers 2007, p.10)
Piccola abbreviazione, grande effetto.
Tuttavia, c’è una semplice spiegazione del perché queste agenzie, nonostante la loro importanza, sono così poco conosciute dal grande pubblico. Per citare un professore di giornalismo svizzero: “La radio e la televisione non citano le loro fonti in generale, e solo gli specialisti sanno come decifrare i riferimenti nelle riviste.” (Blum 1995, P. 9)
Le ragioni di questa discrezione sono tuttavia abbastanza chiare: i giornali non sono particolarmente propensi a far capire ai loro lettori che per la maggior parte dei loro articoli non hanno svolto alcun lavoro investigativo.
Ecco alcuni esempi di come le fonti sono menzionate nei principali media europei. Accanto alle abbreviazioni delle agenzie ci sono le iniziali dei giornalisti che hanno modificato la notizia d’agenzia.
Agenzie di stampa come fonti di articoli di giornale.
I giornali a volte usano articoli senza citarne la fonte. Uno studio dell’Istituto svizzero di ricerca per la sfera pubblica e la società, condotto all’Università di Zurigo nel 2011, è giunto alla seguente conclusione (FOEG 2011):

Gli articoli dell’agenzia sono utilizzati nella loro interezza senza citarne l’origine o sono parzialmente riscritti per sembrare contributi editoriali. Inoltre, sono spesso conditi senza molto sforzo: ad esempio, aggiungiamo un grafico o un’immagine e viene presentato come un articolo di approfondimento.
Le agenzie svolgono un ruolo di primo piano, non solo nella stampa ma anche nelle emittenti pubbliche e private. Ciò è confermato da Volker Braeutigam, che ha lavorato per il canale pubblico ARD per dieci anni e vede con un occhio critico il dominio di queste agenzie:
Uno dei problemi fondamentali è che la redazione di ARD basa le sue informazioni solo su tre fonti: DPA / AP, Reuters e AFP; uno è tedesco-americano, l’altro è britannico e il terzo è francese. Il giornalista che lavora su un argomento deve solo selezionare i passaggi che considera essenziali, riorganizzarli e incollarli insieme con alcuni svolazzi.
Anche Radio Télévision Suisse si basa su queste agenzie. Agli spettatori che hanno chiesto loro perché non avessero parlato di una marcia per la pace in Ucraina, i giornalisti hanno risposto: “Ad oggi, non abbiamo ricevuto informazioni e informazioni da agenzie indipendenti Reuters, AP e AFP. materiale video su questa passeggiata“.
In realtà, non solo il testo, ma anche le immagini e i video che vediamo ogni giorno nei media provengono principalmente da queste agenzie. Ciò che il pubblico non iniziato vede come il lavoro dei giornalisti nel loro paese non è altro che una copia delle notizie d’agenzia provenienti da New York, Londra e Parigi.
Alcuni media vanno ancora oltre e, per mancanza di risorse, esternalizzano tutti gli affari internazionali a un’agenzia. È anche noto che molti siti Web pubblicano solo notizie di agenzie (vedi Paterson 2007, Johnston 2011, MacGregor 2013).
Alla fine, questa dipendenza dalle agenzie globali crea una sorprendente somiglianza nel trattamento delle notizie internazionali: da Vienna a Washington, i media trattano gli stessi argomenti, con le stesse parole – un fenomeno che tendiamo associarsi ai “media sotto controllo” degli stati totalitari.
Ecco alcuni esempi di pubblicazioni tedesche e internazionali. Possiamo vedere che, nonostante l’obiettività che sostengono, a volte appare un leggero pregiudizio geopolitico.
“Putin minaccia”, “Iran Cause”, “Preoccupazioni della NATO”, “Regime Stronghold”:
somiglianze nei contenuti e nella formulazione a causa delle relazioni delle agenzie di stampa mondiali
Il ruolo dei corrispondenti
La maggior parte dei nostri media non ha corrispondenti stranieri, quindi non hanno altra scelta che fare affidamento interamente su agenzie globali. Ma che dire dei principali quotidiani e televisori che hanno corrispondenti? Nei paesi di lingua tedesca, si tratta di giornali come NZZ, FAZ, Süddeutsche Zeitung, Welt e le emittenti pubbliche.
Prima di tutto, dobbiamo tenere presente la portata della grandezza: se le agenzie globali hanno diverse migliaia di dipendenti in tutto il mondo, il quotidiano svizzero NZZ, noto per i suoi rapporti internazionali, mantiene solo 35 corrispondenti stranieri, compresi chi si occupa per lui sul posto delle vendite. In paesi grandi come la Cina o l’India, esiste un solo corrispondente; l’intero Sud America è coperto solo da due giornalisti, mentre in Africa non c’è nemmeno un giornalista che stia stabilmente sul posto.
Si aggiunga che nelle zone di guerra, i corrispondenti raramente rischiano di andare sul campo. Per la guerra siriana, ad esempio, molti giornalisti hanno riferito da Istanbul, Beirut, Il Cairo o persino da Cipro, e la maggior parte di loro nemmeno parlava arabo.
In che modo i corrispondenti trovano le loro informazioni? Ancora una volta, grazie alle agenzie. Il corrispondente olandese in Medio Oriente Joris Luyendijk ha fornito una descrizione impressionante del lavoro dei corrispondenti e della loro dipendenza dalle agenzie nel suo libro “Persone come noi: la cattiva rappresentazione del Medio Oriente”:
“Ho pensato ai corrispondenti come a “storici del presente”. Quando si è verificato un evento importante, vanno lì, cercano di capire cosa sta succedendo e riferiscono. Ma non provano a capire cosa accade; e questo viene fatto per molto tempo. seguono il movimento per fare un rapporto sul posto. La redazione mi chiamava quando accadevaqualcosa, mi mandava notizie d’agenzia che io riformulavo per la radio o la stampa. Per i miei superiori era più importante sapere che potevano raggiungermi sul campo piuttosto che avessi capito cosa stesse succedendo. Le agenzie avevano fornito informazioni sufficienti per poter scrivere o parlare di qualsiasi crisi o vertice mondiale.
Questo è il motivo per cui spesso vediamo le stesse immagini e le stesse storie in tutti i media. Negli uffici di Londra, Parigi, Berlino o Washington, tutti pensano che i cattivi soggetti facciano notizia e che noi si segua le agenzie in modo troppo slavato.
Si immagina che i corrispondenti facciano l’informazione, ma in realtà la stampa funziona come una catena di montaggio in una panetteria industriale. I corrispondenti sono alla fine della catena e si comportano come se avessero appena cotto il pane quando lo hanno avvolto.
Un amico mi ha chiesto come sono riuscito a rispondere a tutte le domande di un presentatore (televisivo n.d.r.) senza esitazione. Quando gli ho detto che sapevo in anticipo tutte le domande, era indignato. Si era appena reso conto che tutto ciò che aveva visto e sentito per decenni non era altro che teatro.” (Luyendjik 2009, pagg. 20-22, 76, 189)
In altre parole, i corrispondenti generalmente non hanno i mezzi per condurre una ricerca indipendente, e devono semplicemente ripetere e rafforzare gli argomenti prescritti dalle agenzie di stampa: questo è l’”effetto principale”. In aggiunta a ciò, per ragioni di bilancio, molte organizzazioni di stampa condividono i loro corrispondenti: all’interno di un gruppo di media, gli stessi rapporti internazionali sono utilizzati da testate diverse, il che non contribuisce alla diversità dei punti di vista.
Ciò di cui l’agenzia non parla non accade. Il ruolo centrale delle agenzie di stampa spiega anche perché, nei conflitti internazionali, i media usano le stesse fonti. Nella guerra siriana, ad esempio, l’”Osservatorio siriano per i diritti umani”, una dubbia organizzazione individuale con sede a Londra, è una fonte ricorrente. I media non si interessarono molto a questo “Osservatorio”, essendo il suo direttore difficile da raggiungere, anche per i
giornalisti. Eppure è stato questo “Osservatorio” a consegnare i suoi articoli alle agenzie globali, che li hanno poi diffusi in migliaia di redazioni, che a loro volta “hanno informato” milioni di lettori e spettatori in tutto il mondo. Ma non molte persone hanno cercato di scoprire perché le agenzie si riferissero a questo strano Osservatorio o perché lo stessero finanziando”.

L’ex caporedattore dell’agenzia di stampa tedesca DPA, Manfred Steffens, scrive nel suo libro “Le Business de l’Info”: “Le informazioni non diventano corrette solo perché possono essere fornite. In effetti è piuttosto strano credere a un’informazione perché viene citata una fonte. Dietro la protezione offerta da una “fonte”, le persone possono diffondere cose molto avventurose, mentre loro stessi hanno dei dubbi sulla loro veridicità; la responsabilità, almeno morale, può sempre essere attribuita alla fonte.” (Steffens 1969, p. 106)
Infine, il dominio delle agenzie globali spiega perché alcuni problemi o eventi geopolitici che non si adattano alla narrativa ufficiale degli Stati Uniti / NATO non compaiono affatto nei media: se le agenzie non ne parlano, la maggior parte dei media occidentali non ne sapranno niente. “Ciò di cui l’agenzia non parla non accade” (Wilke 2000, p. 1).
“Aggiungi informazioni discutibili”
Se alcuni soggetti non compaiono affatto nei media, altri sono onnipresenti, anche se non dovrebbero esserlo: “Spesso i grandi media non sono interessati alla realtà, ma alla realtà costruita o messa in scena. Diversi studi hanno dimostrato che i media tradizionali sono principalmente guidati da attività di pubbliche relazioni e che gli atteggiamenti passivi e ricettivi superano il lavoro investigativo.” (Blum 1995, p. 16)
In pratica, a causa delle scarse prestazioni giornalistiche dei media e della loro dipendenza dalle agenzie, è facile per coloro che possono permettersi di distribuirlo a un pubblico mondiale e in un formato rispettabile, fare propaganda e disinformazione.
Steffens, giornalista del DPA, ha avvertito di questo pericolo: “Più viene rispettata l’agenzia di stampa o il giornale, più il senso critico si attenua. Se qualcuno vuole distribuire informazioni discutibili alla stampa mondiale, deve solo averle distribuite da un’agenzia rispettabile per essere sicuri che vengano raccolte da altri subito dopo. A volte le informazioni false vanno di agenzia in agenzia e diventano tanto più credibili.” (Steffens 1969, p. 234)
Tra coloro che “diffondono” informazioni discutibili ci sono gli eserciti e i ministeri della difesa. Ad esempio, nel 2009 il direttore dell’agenzia statunitense AP, Tom Curley, ha dichiarato che il Pentagono ha impiegato oltre 27.000 specialisti delle comunicazioni per lavorare sui media e far circolare manipolazioni mirate, con un budget di quasi 5 miliardi per anno. Ha aggiunto che generali di alto rango hanno minacciato di rovinarlo se i giornalisti fossero stati troppo critici nei confronti dei militari. Nonostante, o a causa di tali minacce, i media pubblicano regolarmente articoli discutibili provenienti da “informatori” anonimi in “circoli di difesa degli Stati Uniti”.
Ulrich Tilgner, corrispondente storico del Medio Oriente per la televisione tedesca e svizzera, ha riferito nel 2003, poco dopo la guerra in Iraq, della manipolazione militare e del ruolo dei media:
Con l’aiuto dei media, i militari controllano ciò che il pubblico percepisce e lo usano per le loro operazioni. Riescono a scuotere le previsioni, a propagare scenari fittizi. In questo nuovo tipo di guerra, gli strateghi delle comunicazioni dell’amministrazione degli Stati Uniti hanno lo stesso ruolo dei piloti bombardieri. I servizi di comunicazione e intelligence del
Pentagono sono diventati soldati dell’Information Warfare.
Per realizzare i suoi inganni, l’esercito americano usa precisamente la mancanza di trasparenza dei media. Il modo in cui diffonde le informazioni, che vengono poi distribuite da giornali e emittenti, rende impossibile per il lettore o lo spettatore sapere da dove proviene. Pertanto, il pubblico non può riconoscere il vero intento dell’esercito.
” (Tilgner
2003, p. 132)
E ciò che è vero per i militari è vero anche per i servizi di intelligence. In un notevole rapporto di Channel 4, ex funzionari della CIA e un corrispondente di Reuters possono candidamente parlare della diffusione sistematica della propaganda e della disinformazione nella copertura dei conflitti geopolitici.
L’ex agente e informatore della CIA John Stockwell descrisse il suo lavoro durante la guerra dell’Angola con queste parole: “Il tema di base era far sembrare fosse un assalto nemico. Quindi abbiamo scritto tutti articoli che sono andati in quella direzione. La mia unità aveva un terzo di propagandisti, il cui compito era inventare storie e trovare il modo di portarle alla stampa. (…) I giornalisti nella maggior parte dei media occidentali non sono scettici fintanto che vanno nella direzione di pregiudizi e generalità. (…) Quindi abbiamo scritto un altro articolo ed è durato così per settimane. (…) Ma era tutto sbagliato. “
Fred Bridgland parlando del suo passato come corrispondente per Reuters afferma:
Abbiamo basato i nostri invii su comunicazioni ufficiali. Ci vollero anni prima che venissi a sapere che un esperto di disinformazione della CIA era all’ambasciata e scriveva queste dichiarazioni che non avevano alcun legame con la realtà. (…) Per dirla senza mezzi termini, è possibile pubblicare qualsiasi stronzata e sarà raccolto dai giornali.
Per quanto riguarda l’ex analista della CIA David MacMichael, è così che parla del suo lavoro durante la Guerra dei Contras in Nicaragua: “Dissero che in Nicaragua i nostri servizi di intelligence erano così efficienti che sapevamo addirittura se qualcuno andasse in bagno. Ma per me gli articoli che abbiamo dato alla stampa sono arrivati ​​direttamente dalla toilette.” (Hird 1985)
Naturalmente, i servizi di intelligence hanno anche un gran numero di contatti diretti nei media, ai quali possono divulgare informazioni se necessario. Ma senza il ruolo centrale delle agenzie di stampa globali, la sincronizzazione globale tra propaganda e disinformazione non potrebbe essere così efficace.
Attraverso questo “moltiplicatore della propaganda”, notizie discutibili da esperti di comunicazione che lavorano per i governi o il servizio di intelligence possono raggiungere il pubblico senza verifica o filtro. I giornalisti si riferiscono alle agenzie e le agenzie si riferiscono alle loro fonti. Anche se lasciano spazio al dubbio (e si proteggono) con termini come “accusa”, “apparentemente” e altri, la voce si diffonde molto rapidamente in tutto il mondo e l’effetto ha luogo.
Il moltiplicatore della propaganda: i governi, i militari e i servizi di intelligence usano le agenzie di stampa globali per consegnare i loro messaggi a un pubblico globale.
Come riporta il New York Times … Oltre alle agenzie di stampa globali, ci sono altre fonti utilizzate dalle organizzazioni di stampa di tutto il mondo per affrontare i conflitti geopolitici:
i principali media britannici e americani. Testate come il New York Times o la BBC hanno più di 100 corrispondenti stranieri e altri impiegati esterni.
Tuttavia, come osserva Luyendijk, corrispondente per il Medio Oriente: “La nostra redazione, me compreso, era piena di articoli selezionati da media di qualità come la CNN, la BBC e il New York Times. Lo abbiamo fatto perché abbiamo ipotizzato che i loro corrispondenti conoscessero il mondo arabo e avessero l’autorità di parlarne; ma alla fine molti di loro non parlavano arabo o non abbastanza per conversare o seguire le informazioni locali. Cadors di CNN, BBC, Independent, Guardian, New Yorker, NYT spesso hanno dovuto fare affidamento su assistenti e traduttori.”(Luyendijk p. 47)
Inoltre, le fonti di questi media sono spesso non verificabili: “circoli militari”, “funzionari governativi anonimi”, “funzionari dell’intelligence” o altri. Può quindi essere usato per diffondere propaganda. In ogni caso, l’orientamento generale nella direzione delle principali pubblicazioni anglosassoni porta alla convergenza di opinioni su argomenti relativi alla geopolitica. Ecco alcuni esempi di questi riferimenti ai principali media anglosassoni, trovati sul più grande quotidiano svizzero, Tages-Anzeiger, sull’argomento Siria. Tutti questi articoli risalgono a ottobre 2015, quando la Russia è intervenuta direttamente per la prima volta (le fonti USA / Regno Unito sono in blu).
Frequenti riferimenti ai principali media britannici e americani sulla guerra in Siria da parte del quotidiano svizzero Tages-Anzeiger nell’ottobre 2015.
La storia desiderata
Ma perché nei nostri media i giornalisti non provano a cercare e lavorare
professionalmente a prescindere dalle agenzie globali e dai media inglesi? Luyendijk, corrispondente in Medio Oriente, descrive la sua esperienza come segue: “Potresti dirmi che avrei potuto cercare altre fonti di fiducia. Ci ho provato, ma ogni volta che volevo scrivere un articolo senza fare affidamento su agenzie di stampa, media anglosassoni o discorsi mainstream, non funzionava. (…) Ovviamente, come corrispondente, avrei potuto raccontare storie molto diverse sulla stessa situazione. Ma i media hanno potuto presentarne solo uno, e spesso è stata proprio la storia a confermare l’opinione generale.” (Luyendijk p.54)
Il ricercatore Noam Chomsky ha descritto questo effetto nel suo saggio “Cosa rende mainstream i media mainstream“: “Se ti allontani dalla linea ufficiale, se produci segnalazioni di dissidenti, è quello che succederà. (…) Esistono diversi modi per metterti in linea. Se non segui le regole, non manterrai il tuo lavoro a lungo. Questo sistema funziona molto bene e riflette le strutture di potere.” (Chomsky 1997)
Tuttavia, alcuni grandi giornalisti continuano a credere che nessuno possa dire loro cosa scrivere. Come è possibile? Chomsky chiarisce questa apparente contraddizione: “Il fatto è che non sarebbero lì se non avessero già dimostrato che nessuno ha bisogno di dire loro cosa scrivere, dal momento che diranno cosa bisogna dire. Se avessero iniziato alla Métro e fossero interessati al tipo sbagliato di articoli, non si sarebbero mai trovati nella posizione in cui potevano dire quello che volevano. Lo stesso si può dire delle carriere universitarie in più discipline ideologiche. Hanno attraversato il sistema di socializzazione.”
In definitiva, questo “sistema di socializzazione” porta al giornalismo che non fa più ricerca indipendente e rapporti critici sui conflitti geopolitici (e altri argomenti), ma cerca di consolidare la narrazione desiderata dagli editoriali e commenti appropriati.
Conclusione: la “prima legge del giornalismo”
L’ex reporter della Associated Press Herbert Altschull l’ha definita la prima legge del giornalismo: “In tutti i sistemi di stampa, i media sono gli strumenti di coloro che esercitano il potere politico ed economico. I giornali, i periodici, la radio e la televisione non agiscono in modo indipendente, quando possono.” (Altschull 1984/1995, p. 298)
In questo senso, è logico che i media tradizionali, finanziati principalmente dalla pubblicità o dallo stato, rappresentino gli interessi geopolitici dell’alleanza transatlantica, poiché sia ​​gli inserzionisti che gli stati dipendono dall’architettura economica e sicurezza transatlantica guidata dagli Stati Uniti. Inoltre, figure chiave nei media mainstream fanno spesso parte delle reti di élite transatlantiche, nello spirito del “sistema di socializzazione” di Chomsky. Le istituzioni più importanti a questo proposito includono il Council on Foreign Relations, il gruppo Bilderberg e la Commissione trilaterale, dove ci sono molti grandi giornalisti (vedi uno studio approfondito di questi gruppi). La maggior parte dei media tradizionali può quindi essere vista come “media di stabilimento”. Ciò è spiegato dal fatto che in passato la libertà di stampa era abbastanza teorica, poiché non tutti potevano ottenere una licenza di trasmissione, una frequenza, un’infrastruttura finanziaria e tecnica o di altro tipo. La prima legge di Altschull fu in qualche modo infranta in Internet. Quindi, negli ultimi anni, è emerso il giornalismo di qualità, finanziato dai lettori, che spesso supera i media tradizionali in termini di analisi critica. Alcune di queste pubblicazioni “alternative” hanno già un vasto pubblico, il che dimostra che un grande pubblico non deve necessariamente fare rima con qualità inferiore. Tuttavia, finora i media mainstream sono riusciti ad attirare una grande maggioranza di visitatori anche sui loro siti. E ciò è dovuto anche alle agenzie di stampa, le cui spedizioni istantanee costituiscono la spina dorsale della maggior parte dei siti di notizie.
Il “potere politico ed economico”, come afferma la legge di Altschull, manterrà il controllo delle informazioni o “le informazioni incontrollate” cambieranno la struttura politica ed economica?
I prossimi anni ce lo diranno.
Lo studio di Swiss Research si chiude così.
Dal canto mio osservo che certamente è su queste basi che vanno lette le notizie diffuse prima e dopo il recente attacco USA all’Iran che, indifferente a ogni regola internazionale, ha eliminato il capo delle forze armate locali e numero due del paese utilizzando un drone militare. Le dichiarazioni di tutti i paesi del mondo al riguardo, incluse quelle italiane, che hanno tenuto a precisare di non essere stati precedentemente informati e di escludere che il drone sia partito da una base italiana. Le informazioni circa l’attivismo militare turco, senza avere ancora chiuso il fronte curdo-siriano, ne ha aperto un altro a distanza in Libia.

2 recommended
bookmark icon
Aspetta un attimo...

Sottoscrivi la nostra newsletter

Vuoi essere avvisato quando pubblichiamo nuovi articoli? Inserisci il tuo nome e il tuo indirizzo e-mail.