In breve

Inno a Nettuno, Odae adespotae

• Bookmarks: 21


::cck::1821::/cck::
::introtext::

Recanati. 1816-1817. Giacomo Leopardi cominciò a “narrare” con un inno e un’ode, misti di imitazione, traduzione e scrittura poetica originale.

::/introtext::
::fulltext::

Copertina: Inno a Nettuno, Odae adespotae di Giacomo Leopardi - Marsilio

Autore:
Giacomo Leopardi
Titolo:
Inno a Nettuno,
Odae adespotae
Editore: Marsilio
Pagine: 285
Prezzo: € 26,00
A cura di
Margherita Centenari

Recanati. 1816-1817. Giacomo Leopardi cominciò a “narrare” con un inno e un’ode, misti di imitazione, traduzione e scrittura poetica originale. Non aveva ancora nemmeno vent’anni, aveva studiato già troppo, realizzato favole o liriche e già pubblicato trattati orazioni saggi. A partire dalla primavera 1816 compose in casa alcuni testi, poi stampati a Milano l’anno dopo, presentati da una rivista letteraria come inni greci ritrovati in un fantomatico codice di un’ignota biblioteca romana. Era il suo modo di reinterpretare e rivitalizzare (già da filologo classico) il mondo antico nella modernità, con molteplici risvolti teorici e poetici, già sperimentando una propria scrittura lirica, pensieri e passioni. La ricercatrice Margherita Centenari (Parma, 1986) ha discusso in materia la tesi del proprio dottorato nel marzo 2015. Ci ha lavorato ancora e presenta ora gli scritti leopardiani “Inno a Nettuno, Odae adespotae” con una ricca introduzione critica, note e appendici colte.

v.c.

::/fulltext::
::autore_::::/autore_:: ::cck::1821::/cck::

21 recommended
comments icon0 comments
bookmark icon

Write a comment...